gtag('config', 'UA-102787715-1');

il legame “segreto” fra gli U2 e i Ramones spiegato in una canzone

Gli U2 ed i Ramones sono entrambe band che sono entrate di diritto nella storia del rock e nell’iconografia dell’ultimo secolo. Con il primo gruppo più vicino ad un mondo del pop ed i secondi a quello del punk, il legame tra le due formazione, rispettabilmente irlandese e statunitense, resta ciò non di meno molto forte. Le radici di questo legame risalgono a qualche decennio fa, nel 1978.

Il primo incontro tra U2 e Ramones

Era infatti una sera autunnale del 1978 quando una band di giovane chiamata The Hype assistettero ad un concerto dei Ramones. Gli Hype erano composti da Bono, Adam Clayton, Larry Mullen Jr. e Dave Evans e sì, presto sarebbero diventati gli U2 cambiando nome. All’epoca dello show Bono aveva diciotto anni, con alle spalle un trascorso molto duro e la musica punk rock lo sconvolse, ovviamente in senso positivo.

U2: come omaggiarono i Ramones

Ben trentasei anni dopo, ossia nel 2014, dopo anni di successo con due Golden Globe, ventidue Grammy Award e 170 milioni di dischi venduti, Bono Vox e gli U2 esplicitarono inconfutabilmente il loro amore per i Ramones. Infatti all’interno dell’album “Song Of Innocence” fu estratto il singolo “The Miracle (Of Joey Ramone)”.

La storia di questo brano è quella di un ragazzo timido e timorato, il quale, pur desideroso di emergere, non ha ancora trovato la sua voce, la sua forma di espressione, tra le varie sfide della vita. Poi durante un concerto il protagonista viene abbagliato dalla voce del cantante, capendo immediatamente che la sua forma di espressione sarebbe stata la musica. Conoscendo quanto detto poco sopra, appare palese che questa canzone abbia un fortissimo spunto autobiografico, come pure la gran parte dei brani contenuti nell’album “Song Of Innocence”.

Joey Ramone: il suo legame con gli U2

L’apprezzamento però non è unilaterale, anche il frontman dei Ramones, Joey Ramone, ha dato un segno di fortissimo legame con la band irlandese.Il 15 Aprile 2001, data del decesso di  Joey, prima di morire volle ascoltare “In A Little While” pubblicata un anno prima daglu U2. Il brano accompagna Ramone nell’altra dimensione e, quando Bono Vox venne a sapere di questo evento, prese una decisione.

Gli U2 in quel momento erano impegnati nel tour negli Stati Uniti ed in Canada per promuovere l’album “All You Can’t Leave Behind” e decisero di dedicare “In A Little While” proprio in memoria di Joey Ramone, che tanto li aveva influenzati in gioventù. Il brano, una magnifica ballata rock, si trasformò così in un ultimo saluto.

 

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com