gtag('config', 'UA-102787715-1');

Il successo dei Queen al Live Aid fu “semplice”. L’intervista al turnista

In fondo, cosa ci sarà mai di così difficile? Certo, bisognerebbe avere la capacità chitarristica di Brian May. Il groove di John Deacon al basso. Il talento di Roger Taylor alla batteria. E, ovviamente, la presenza scenica e vocale di Freddie Mercury. Eppure il turnista alle tastiere dei Queen durante il Live Aid disse che fu tutto piuttosto semplice. Vediamo perché.

Chi è Spike Edney

Spike Edney è stato il tastierista turnista dei Queen dal 1984, eseguendo con la band l’album The Works e successivi, oltre ai grandi successi del gruppo. Lui stesso ha rilasciato una intervista rivelando che il pubblico vide durante il Live Aid i Queen come la più grande band del mondo, incredibilmente forte e iconica.

Mercury e compagnia avevano 20 minuti di tempo. Loro stessi erano specializzati nei medley delle loro canzoni più celebri e il risultato non poteva che essere grandioso di partenza. Ci doveva essere Bohemian Rhapsody e Radio Gaga, quest’ultima tratta da The Works. L’idea di deludere non era assolutamente presente e fu quasi tutto naturale e semplice.

Le altre band

Edney (ora direttore musicale dei Queen) ha parlato anche delle altre band presenti in quell’evento. E non c’erano gli ultimi arrivati. Tra i riuniti Black Sabbath, Who, Simple Minds, Led Zeppelin (e molti altri), si trattava di grandi band con musicisti incredibili. Eppure Edney li descrive come zoppicanti, come se fossero incapaci di arrivare nel cuore della musica.

Ha inoltre precisato l’errore cinematografico del biopic Bohemian Rhapsody (ne abbiamo parlato qui). Il film racconta di come Freddie Mercury, dopo due anni, fosse tornato, con la coda tra le gambe, nel gruppo proprio per esibirsi al Live Aid. Non fu proprio così. I Queen erano in tournée fino a sei mesi prima e stavano alla grande. Non ebbero quindi molti problemi, dal punto di vista tecnico, al Live Aid.

Opinioni su Adam Lambert

I fan dei Queen hanno criticato tanto Adam Lambert dicendo “non è Freddie Mercury“, “è troppo esagerato” ecc. Edney ha dichiarato di averlo scoperto nel 2009 insieme a May e Taylor. Secondo lui, si tratta di un grandissimo cantante dalla voce e presenza scenica rara. Non è Freddie, naturalmente, ma è ugualmente interessante e talentuoso.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.