gtag('config', 'UA-102787715-1');

Joey Kramer: il batterista degli Aerosmith ha fatto causa alla band

Gli Aerosmith, nati a Boston nel 1970, sono uno delle band di maggior successo della scena rock. Il gruppo, formato da Steven TylerJoe PerryBrad Whitford , Tom HamiltonJoey Kramer, ultimamente non se la passa proprio bene.

La decisione degli Aerosmith di allontanare il proprio batterista

Il batterista del gruppo, Joey Kramer, dopo essersi preso un breve periodo di pausa a causa di alcuni piccoli problemi di salute, è finalmente ritornato nella sua band. L’accoglienza, però, non è stata delle migliori. Tyler e soci hanno preteso che Joey facesse una vera e propria audizione, per garantire di essere ancora un musicista pronto. E, come se non fosse abbastanza, i membri del gruppo hanno imposto al batterista di pagare il suo sostituto (20 mila a settimana per le esibizioni e 10 mila per le prove).

Il lungo comunicato di Joey Kramer

L’audizione di Joey Kramer non ha convinto i restanti Aerosmith, che addirittura avrebbero deciso di tagliarlo fuori dalla band, almeno per il prossimo tour. Il musicista ha quindi deciso di intentare causa contro i suoi stessi compagni di band e, tramite un lungo comunicato, ha fatto luce sulla situazione:

“Avevo 14 anni quando ho preso in mano per la prima volta delle bacchette. E adesso anche solo pensare di non poter suonare con la mia band, dopo 50 anni di attività, è a dir poco devastante. Sono stato privato dell’opportunità di essere riconosciuto come membro della band. E, soprattutto, ci tengo a specificare che non è una questione di soldi.

Il fatto che mi abbiamo fatto sostenere delle prove, per testare le mie abilità attuali e il mio livello, è davvero un insulto. Gli altri membri della band, insieme ai loro avvocati, hanno screditato il mio modo di suonare, mettendo in dubbio le mie qualità. E, nonostante tutto, ho accettato la sfida e ho fatto alcune registrazioni in cui suonavo delle tracce live di alcuni brani recenti della band che non avevo ancora ascoltato. L’ho fatto e l’ho fatto anche bene.  Nei miei 50 anni da Aerosmith nessuno della band mi aveva mai sottoposto ad un esame del genere.

Mi auguro che i fan possano capire che sto solo cercando di sistemare le cose e di tornare a suonare con la band che amo, che tutti amano: ossia gli Aerosmith con tutti e cinque i membri originali. La magia della band si manifesta solo quando tutti i componenti sono insieme. Il fatto che mi abbiano tolto il mio legittimo posto è del tutto sbagliato.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)