gtag('config', 'UA-102787715-1');

Joey Ramone: “ecco qual’è aìla band che mi ha ispirato all’inizio della mia carriera”

Ramones sono stati tra gli esponenti più cristallini del punk rock americano. Dal 1974 al 1996, la band originaria di Forest Hills hanno dato nuova linfa ad un genere musicale, grazie a ritmi trascinanti e a tanti messaggi da trasmettere. In tale contesto, un ruolo di primo piano lo ha avuto Jeffrey Ross Hyman, conosciuto da tutti come Joey Ramone. Una band lo ha ispirato in maniera notevole, conducendolo verso una carriera straordinaria. Scopriamo insieme di quale gruppo si tratta.

Ramones, pura energia punk

Molto probabilmente, i Ramones non erano i musicisti più dotati di ogni epoca. Non sono mai riusciti a dominare le classifiche in maniera definitiva, nonostante brani di alto livello come Blitzkreig Bop, e The KKK Took My Baby Away. Nessuno eccelleva particolarmente nella propria specialità musicale, ma il gruppo era capace di catalizzare l’attenzione del pubblico grazie ad una straordinaria energia punk. Quest’ultima veniva unita ad una notevole intelligenza, oltre alla capacità di trascinare la gente. Per tali motivazioni, la musica di Joey Ramone e degli altri membri Dee Dee, Johnny e Tommy resta impressa nella memoria, fino ai tempi nostri. Ad ogni modo, la band newyorchese non sarebbe andata così avanti senza la fonte di ispirazione proveniente dagli Who.

La passione di Joey Ramone per gli Who

È proprio grazie agli Who che Joey Ramone ha iniziato a fare musica. Certo, Keith Moon, Pete Townshend, John Entwistle e Roger Daltrey vengono considerati come musicisti straordinari, forse molto più dei Ramones. Eppure, la loro maestria quando si trattava di elettrizzare il pubblico era sorprendente. In un’intervista rilasciata nel 1990 alla rivista Entertainment Weekly, il cantante ha riferito di aver avuto una vera e propria folgorazione sulla via del punk rock.

“Quando avevo 16 anni, ho visto gli Who suonare per la prima volta in America”, esordisce così Joey. “Era lo spettacolo Murray the K a New York City, con diverse altre band inglesi. I Cream erano eccezionali, ma gli Who mi hanno fatto perdere la testa. La scenografia, Moon, Townshend. È stata la cosa migliore che io abbia mai visto. Quando mi esibisco, voglio far impazzire la gente in quel modo”.  Dal punto di vista musicale, la band sarebbe stata influenzata anche dagli Stooges e da altri esponenti dell’hard rock. Ad ogni modo, l’energia degli Who è sempre rimasta in primo piano.

Joey racconta il suo omaggio per gli Who

Nel 1994, i Ramones hanno avuto l’occasione di omaggiare gli Who. Hanno infatti inserito la cover Substitute nel loro album Acid Eaters, ricevendo anche il supporto vocale di Pete Townshend“È stato un momento memorabile per me, – spiega Joey RamoneTownshend è sempre stato come un mentore invisibile. Quando ha sentito che stavamo suonando la sua canzone, è salito sul palco e ci ha apprezzato. È stato davvero eccitante”.

Il cantante aggiunge altri particolari di un giorno indimenticabile: “Ero molto nervoso. Non lo avevo mai incontrato prima. Avevo già incrociato Roger Daltrey, credo nel 1980 a Londra. In quel caso eravamo ospiti a Top of the Pops e Daltrey sembrava non capire di cosa parlassimo. Ci ha detto che non ce l’avremmo mai fatta con le giacche di pelle, ma solo se avessimo indossato abiti e cravatte. Il consiglio veniva da lui, il cantante di una delle prime band rock ribelli. Non sapevo cosa pensare. Non sapevo se stesse scherzando”.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)