gtag('config', 'UA-102787715-1');

Judas Priest, Rob Halford: “c’è un solo Dio dell’heavy metal ed è….”

Quando si parla di “Dio dell’heavy metal“, sono in molti a puntare il dito contro Rob Halford, storico frontman dei Judas Priest. Vocalist della band 1973 al 1992 e poi ancora dal 2003 ad oggi, Halford è ormai una colonna portante dell’heavy metal. Noto in particolar modo per l’estensione vocale, per le sue stupefacenti entrate in scena e per quel suo inconfondibile look, Rob Halford ha recentemente rilasciato un’intervista in cui ha aperto una lunga parentesi sulla sua carriera e sul suo percorso musicale, indicando -tra l’altro- il vero Dio dell’heavy metal. Secondo il musicista di Birmingham, infatti, è sempre esistito un unico solo Dio dell’heavy metal (e non è certo lui).

Le più grandi influenze di Rob Halford

Rob Halford, nato a Birmingham il 25 agosto del 1961, ha sempre ammirato il lavoro di alcune iconiche rockstar e band come i Beatles, gli Stones, i Cream, il leggendario ‘Duca Bianco’ David Bowie, Frank Sinatra ed il re del rock and roll Elvis Presley. Dovendo scegliere una ed una sola fonte d’ispirazione, il frontman dei Judas Priest non ha dubbi: “John Lennon: è stato lui a farmi aprire veramente gli occhi sulla musica.”

Naturalmente negli anni sessanta l’impatto musicale dei Beatles fu a dir poco devastante e, tra i frontman che maggiormente sono stati impressionati da quel sound e quel modo di porsi sul palco, c’è anche Rob Halford:

“I Beatles mi hanno sempre appassionato, sono stato, sono e sarò sempre un loro fan. Mi piaceva molto il modo di pensare di Lennon, la sua idea di pace ed amore. Si, insomma, era una sorta di ambasciatore per la pace nel mondo.”

Ronnie James Dio: l’unico vero Dio dell’heavy metal

Tornando a noi e alla questione Dio dell’heavy metal, Rob Halford è sempre stato onorato e fiero di questo soprannome affibbiatogli dall’industria musicale e dai fan del genere, ma ha confessato ultimamente di non sentirsi poi così all’altezza di tale titolo. Secondo la sua opinione, infatti, questo soprannome cadrebbe a pennello su un altro artista: Ronnie James Dio.

“Ronnie è sempre stato una guida per me, musicale e non. Sul palco e in sala prove ha sempre dato il 100%, tutto se stesso. Ho visto e imparato da lui come interagire con i fan, dedicando loro del tempo e capendo i loro bisogni. La sua voce sarà sempre con noi e, la sua incredibile voce, mi farà sempre venire i brividi. Da cantante e collega ve lo posso assicurare: la sua voce era unica e facilmente riconoscibile. Dieci, cento o mille anni dopo non importa: Ronnie James Dio vivrà in eterno.”

Rob Halford, ospite di ‘Rock God’, ha poi aggiunto: “Ancora oggi, quando si parla di metal e di principali modelli, io cito sempre e solo Ronnie James Dio. E, quando salgo sul palco, per farmi forza penso a lui. Se è mai esistito un uomo che può essere definito un Dio dell’heavy metal, quello è sicuramente Ronnie James Dio.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)