gtag('config', 'UA-102787715-1');

Lacuna Coil: i 10 album che hanno segnato la vita di Cristina Scabbia

Nel panorama non molto vasto del metal italiano, Lacuna Coil occupano senz’altro un ruolo di primo piano. La voce inconfondibile della frontman Cristina Scabbia, insieme a ritmi coinvolgenti e a musicisti di ottimo livello, hanno reso questa band autorevole a livello nazionale e non solo. Quali sono i 10 album che hanno segnato la carriera e la vita della cantante milanese nel bene e nel male? L’artista lo ha detto alla rivista Metal Hammer UK.

1. Michael Jackson – Billie Jean (1983)

“È stato il primo album che ho comprato, il mio primo vinile a 45 giri!”. Così Cristina Scabbia introduce il primo album che ha segnato la sua vita. “Michael era davvero grande quando ero una bimba, il fenomeno del momento!”. Molto probabilmente, lei non era l’unica a non poter fare a meno di un disco così iconico.

2. Paradise Lost – Draconian Times (1995)

Questo album è un po’ più sorprendente rispetto ad altri presenti nella lista, ma nasconde comunque un significato rilevante. Cristina lo considera come la sua opera d’arte preferita. “Hanno fatto un grande sforzo nel trucco e nei capelli delle modelle. Anche per questo, è uno degli album miei preferiti in senso assoluto”.

3. Pink Floyd – The Wall (1979)

Ogni artista avrebbe voluto realizzare un album di qualcun altro. The Wall è sempre stato il sogno di Cristina Scabbia“È l’album, è magia. Quando lo ascolti, entri nel suo concetto, nel modo in cui lo hanno realizzato, suonato, cantato. Il suo impatto è ancora enorme dopo tanti anni”.

4. Metallica – Metallica (1991)

La Scabbia considera questo disco come un vero esempio di metal puro. “Ha in qualche modo cambiato la musica. Il Black Album ha proposto il vero metal nella musica, nello spirito, nell’atteggiamento. Prima era tutto diverso nei testi, nel ritmo, nei riff”.

5. Type O Negative – October Rust (1996)

“È stato grazie ai Type O Negative che mi sono resa conto di voler suonare una musica più dark. Quando li ascolti, entri in una sorta di bolla speciale”. Così la leader dei Lacuna Coil ha raccontato questo disco straordinario.

6. Lacuna Coil – Comalies (2002)

Questo è il disco per il quale Cristina vuole essere ricordata dal suo pubblico affezionato. “Sono grata a questo album perché ci ha reso più popolari. Puoi avere il miglior album del mondo e non farti notare, o una band sconosciuta e rispettata dalla gente”.

7. Lady Gaga – Born This Way (2011)

Ecco un altro lavoro abbastanza diverso dai canoni generali di Cristina Scabbia“Questo album ha belle canzoni, ma il precedente di Lady Gaga era più sofisticato e genuino. Preferisco la spontaneità”.

8. Lou Reed / Metallica – Lulu (2011)

La collaborazione tra Lou Reed e i Metallica è nella lista perché non è assolutamente piaciuta a Cristina. “Non mi piace colpire l’arte degli altri perché sa esprimere la loro essenza, ma a volte gli esperimenti falliscono. Sono convinta che abbiano lavorato insieme per divertirsi e sperimentare e apprezzo il loro impegno”.

9. Faith No More – Angel Dust (1992)

Ecco l’album che ha spezzato il cuore a Cristina. “Il disco ha rappresentato un momento difficile della mia vita, con grossi problemi di relazione sentimentale. Mi ha molto emozionato ed è stato un album eccellente”.

10. Queen – Innuendo (1991)

Cristina Scabbia ha concluso con un vero capolavoro. Innuendo è l’album che vorrebbe fosse suonato in occasione del suo funerale. “Vorrei qualcosa di divertente per lasciare i miei amici con il buon umore, ma è impossibile. Quindi sceglierei un brano drammatico come The Show Must Go On per il mio commiato”.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)