gtag('config', 'UA-102787715-1');

L’amore ci farà a pezzi: la storia segreta del più grande successo dei Joy Division

Il 18 maggio rappresenta una data tragica per gli amanti del rock e della musica in generale. Si tratta, Infatti, della data in cui Ian Curtis, leader dei Joy Division, e Chris Cornell, leader dei Soundgarden, hanno trovato la morte per suicidio, in dinamiche che sono molto simili tra di loro e che tragicamente sembrano richiamare allo stesso momento storico, per quanto gli anni in cui questi due sweet decidi siano avvenuti Sono, effettivamente, differenti. Nel ricordarvi di Ian Curtis e del suo incredibile successo, oltre che della sua anima musicale che merita di essere sottolineata a distanza di anni dalla sua morte, vogliamo parlarvi della canzone più famosa dei Joy Division, così tanto da diventare l’epitaffio sulla tomba di Ian Curtis. Vi raccontiamo della storia segreta dietro la realizzazione di Love Will Tear Us Apart , L’amore ci farà a pezzi.

La storia segreta di Love Will Tear Us Apart

Al fine di conoscere meglio la storia di Love Will Tear Us Apart, il più celebre singolo dei Joy Division, vogliamo citarvi quel racconto che è stato fatto direttamente da Ian Curtis, e che riguarda un frangente nello specifico della registrazione del brano: “Martin Hannett ha fatto uno dei suoi giochetti mentali mentre lo registravamo – sembra che fosse un tiranno, ma non lo era, era simpatico. Abbiamo avuto questa lite in cui era quasi mezzanotte e ho detto: “Va bene se vado a casa Martin? E’ stata una lunga giornata E lui disse [sussurra]: “Va bene… vai a casa”. Così sono tornato all’appartamento. Mi sono addormentato e il telefono ha squillato. “Martin vuole che tu torni a suonare il rullante”. Alle quattro del mattino! Ho detto: “Cos’ha il rullante che non va?”. Così ogni volta che sento “Love Will Tear Us Apart”, stringo i denti e mi ricordo di aver gridato al telefono: “BASTARDO! … Riesco a sentire la rabbia che c’è dentro anche adesso. È una grande canzone ed è una grande produzione, ma ogni volta che la sento mi viene l’angoscia”.

La storia della canzone più celebre dei Joy Division

A proposito della storia della canzone più celebre dei Joy Division, vale innanzitutto la pena sottolineare che il singolo in questione è stato pubblicato nell’aprile del 1980, un mese prima della morte per suicidio di Ian Curtis. Si è trattato, infatti, dell’unico e primo brano che ha ottenuto un grandissimo successo nella storia della formazione, raggiungendo addirittura il tredicesimo posto nella classifica relativa alle vendite in Regno Unito. Si tratta di uno dei pochi brani all’interno dei quali Ian Curtis suona la chitarra, nonostante sia significativo per tutt’altro. In effetti, la canzone mostra tutti quei problemi personali che Ian Curtis aveva con sua moglie Deborah, così tanto da rendere il titolo del brano l’epitaffio presente sulla tomba del cantante. Ad oggi, la canzone è considerata come così tanto importante da essere stata inserita al 181 esimo posto nella classifica relativa alle 500 migliori canzoni di tutti i tempi del Rolling Stone.

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.