gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le 5 band rock più sottovalutate degli anni ’90

Quali sono le 5 band rock più sottovalutate degli anni ’90? Gli anni ’90, li hanno descritti quasi tutti così, sono stati quel periodo che ha visto la fine del rock. Solo pochissimi si sono salvati, secondo molti critici. Tra questi ci sono stati i Nirvana, i Pearl Jam, gli Smashing Pumpkins, gli Oasis, i Blur, i Radiohead, e poco altro. Ma questo “poco altro” cosa significa? Ci sono delle band rock uscite negli anni Novanta che non hanno avuto il successo che meritavano ma sicuramente erano validissime. Tra queste c’erano sicuramente i Jane’s Addiction, noti per avere avuto nella formazione Dave Navarro, chitarrista che passò ai Red Hot Chili Peppers per sostituire John Frusciante. La band era sì grunge, ma fondeva molte influenze, dai Led Zeppelin al funk di James Brown. Avrebbero meritato maggior fortuna.

I Black Crowes

I Black Crowes forse li conosceranno in pochi. Purtroppo non sono mai stati così tanto passati dalle radio mainstream dell’epoca, ma nel panorama underground la band andava molto bene. In fondo, non accade a tutti i gruppi di accogliere un mostro sacro come Jimmy Page sul palco per suonare con loro. La band iniziò molto bene dal punto di vista discografico, brani come “She Talks to Angels” e “Hard to Handle” andarono molto forte in classifica ma la band poi lentamente morì. In realtà il gruppo esiste ancora ma i vecchi fasti sono lontani. Band molto sottovalutata purtroppo.

I Sonic Youth

I Sonic Youth merito oggi un riconoscimento decisamente più alto di varie altre band che hanno avuto ben più successo di loro. Le origini della band era direttamente riferibili al mood punk new yorkese degli anni Settanta, ma adattato agli anni Novanta. La band poteva vantare due musicisti di prim’ordine come Lee Ranaldo e Thurston Moore che riuscivano a dare un’impronta alla band decisamente interessante. Forse non stiamo parlando di una band che riusciva a sfornare dei capolavori come Nevermind o In Utero, ma certamente sono stati sottovalutati. Andrebbero recuperati anche loro, forse tra le band meno considerate di sempre negli anni ’90.

I Green River

Formatisi come un gruppo punk, i Green River sono sempre stati apprezzati dalla critica. Si trattava di una specie di supergruppo che nasceva da alcuni membri che sarebbero poi diventati Pearl Jam, ovvero il chitarrista Stone Gossard e Jeff Ament. Ci furono moltissimi problemi in questo gruppo che poteva davvero fare benissimo. Alcun membri volevano essere più commerciale, come i musicisti suddetti, mentre altri volevano rimanere underground. Alla fine la band non durò neanche tante e i membri si separarono, con qualche sporadica reunion.

Gli Skunk Anansie

Tra le 5 band rock più sottovalutate degli anni ’90 ci sono ovviamente gli Skunk Anansie. Purtroppo la band non ha mai avuto, nonostante una grandissima spinta mediatica, ad avere quella nomea di leggenda che invece altre band hanno guadagnato. La critica li ha molto apprezzati e anche il pubblico non li ha dimenticati, ma dopo la pausa del 2000 dopo Post Orgasmic Chill la band è un po’ sparita. Solo negli ultimi 10 anni è tornata insieme, mettendo da parte le spinte soliste della sua carismatica frontwoman Skin.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.