gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le 5 curiosità più pazze sugli AC/DC

Andiamo a vedere oggi le 5 curiosità più pazze sugli AC/DC. Siamo certi che qualcuna non sarà così strana o bizzarra, ma vi invitiamo a seguirci durante tutto l’articolo e vedrete che certe cose vi sorprenderanno. Cominciamo con Brian Johnson che, oltre a essere il celebre cantante, è anche un appassionato di corse automobilistiche. Brian Johnson ha due auto d’epoca: una Pilbeam MP84 e una Royale RP – 4. Lo si potrebbe beccare a bordo delle sue auto d’epoca negli Stati Uniti mentre partecipa a gare d’epoca e storiche. La ciliegina sulla torta è che sembra essere anche un discreto pilota al pari di Nick Mason, batterista dei Pink Floyd.

Angus Young e la sua dipendenza… dal latte

Dovete sapere, anzi, sicuramente lo saprete già, che la dipendenza da droghe, alcol e superalcolici e varie altre sostanze non meglio precisate è piuttosto diffuso tra le rockstar. Ma non nel chitarrista storica della band, ovvero Angus Young, autore di alcuni dei più famosi riff non solo della band, ma dell’intera storia del rock. Angus, fin da quando era giovanissimo, è noto per avere una dipendenza da latte piuttosto marcata, affermando di berne ancora oggi diversi litri al giorno. Dall’invenzione del latte al cioccolato, ha ammesso che è diventato il fan numero uno di questo singolare prodotto.

Citati in giudizio per il numero di telefono in “Dirty Deeds Done Dirt Cheap”

Nella canzone “Dirty Deeds Done Dirt Cheap” viene menzionato un suffisso di un numero di telefono 36 – 24 – 36. Questo numero in realtà apparteneva a una coppia che in seguito ha intentato una causa contro la band mentre sostenevano di essere stati molestati da una telefonata di persone a caso. Pensate che stranezza e che particolare aneddoto. Gli AC/DC non si erano minimamente preoccupati di contattare prima il numero e pensate che i giudici dettero ragione… alla coppia! La band di Angus e Malcolm Young furono costretti a sborsare 250.000 dollari.

I militari statunitensi hanno usato la loro musica come tortura

Era il 1989, quando il generale di Panama, Manuel Noriega, si rifugiò nell’ambasciata vaticana. L’esercito degli Stati Uniti decise di riprodurre i pezzi degli AC/DC per due giorni di fila. Nonostante il divieto delle Nazioni Unite sull’uso della musica ad alto volume durante gli interrogatori, i militari continuarono imperterriti a usare “Hell’s Bells” come una sorta di arma, per una insolita tortura. Il dittatore si arrese alla fine. Non commentiamo e non aggiungiamo altro, ci sembra già abbastanza spaventoso e inquietante così.

I ricercatori usano gli AC/DC per aiutare a combattere il cancro

I ricercatori dell’Università del Sud Australia hanno scoperto che suonare “Thunderstruck” durante il trattamento chemioterapico è efficace nel migliorare l’efficienza del farmaco. Le vibrazioni della canzone fanno rimbalzare le microparticelle di silicio che influiscono sulla chemioterapia. Ciò si traduce in un rivestimento polimerico che impedisce al farmaco di fuoriuscire durante la somministrazione, migliorando la consegna alle cellule tumorali. Quando vi diciamo che la musica cura veramente dalle malattie, non è una battuta, anzi, tutto il contrario. Queste erano 5 curiosità più pazze sugli AC/DC, ne conoscete altre? Forse sì, ma non particolari come queste, ne siamo sicuri.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.