25 February, 2021, 15:52

Le 5 migliori cover dei Queen interpretate da altri artisti

Non è facile riprodurre i brani dei Queen. Eppure, i cinque esempi seguenti dimostrano quanto le loro cover possano essere fatte al meglio. Ecco, dunque, le 5 migliori cover della band guidata da Freddie Mercury nelle versioni di altri artisti.

Dream Theater – Tenement Funster / Flick of the Wrist / Lily of the Valley

Iniziamo da questo sorprendente medley dei Dream Theater, che l’hanno inserito nel loro disco Black Clouds & Silver Linings. Anche Brian May ha lodato questo omaggio a Freddie e ai Queen, considerandolo davvero fantastico.

Foo Fighters – Tie Your Mother Down

In molte occasioni, Dave Grohl e i suoi Foo Fighters hanno omaggiato la band britannica. La loro versione di Tie Your Mother Down è forse la migliore. L’hanno eseguita insieme a Brian MayRoger Taylor in occasione dell’introduzione dei Queen nella Hall of Fame del Rock and Roll.

Puscifer – Bohemian Rhapsody

Puscifer è uno dei pochi artisti capaci di affrontare un brano di Freddie Mercury al meglio. Il leader dei Tool ha pubblicato una cover personale di Bohemian Rhapsody. La canzone era accompagnata da un video musicale molto particolare.

Vandals – Don’t Stop Me Now

Nel 2004, la band punk dei Vandals ha fornito una sua particolare versione di Don’t Stop Me Now. Ovviamente, non è mancata una sfumatura punk ad alta adrenalina, con un ritmo molto più incalzante della canzone originale.

Electric Six – Radio Ga Ga

Concludiamo con gli Electric Six, che hanno dato vita ad una versione di Radio Ga Ga molto apprezzata anche da May. Alcuni hanno definito la clip del brano poco rispettosa per la presenza del leader Dick Valentine che balla su una tomba, come se fosse un fantasma.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)