22 January, 2021, 21:46

Le band più strane di sempre che non credevi esistessero davvero

Il mondo del rock è stato -per anni ed anni- terreno fertile per artisti eclettici e a dir poco “strani”. Partendo dai folli concept album degli anni settanta agli aggressivi gruppi post-punk degli anni ottanta, lo scenario rock non ha mai evitato o allontanato il surreale e lo strano. O, forse, è lo stesso rock ad essere una calamita per “folli”. Ora, senza ulteriori esitazioni, andiamo a scoprire le band più strane di sempre che non credevi esistessero davvero.

Le band più strane di sempre che non credevi esistessero davvero: Primus

I Primus -band alternative metal statunitense di El Sobrante, California- ebbero la brillate idea di mischiare nel proprio sound funk, metal, punk rock e psichedelia, sempre con un certo spirito ironico. I Primus, infatti, saranno ricordati per le loro sonorità umoristiche, sperimentali e stravaganti. Lo slogan della band? “Primus Sucks” (i Primus fanno schifo).

Stalaggh

Considerati come una fusione di musicisti della scena black metal belga ed olandese (di cui non si conosce nulla: numero esatto di membri e varie identità), tra melodie oscure, black metal ed umorismo, hanno conquistato in pochissimo tempo la scena metal. Una delle caratteristiche delle registrazioni era l’integrazione di urla di pazienti psichiatrici. Il gruppo, non a caso, in un’intervista si descrisse come “un progetto di terrore audio misantropico nichilista“.

Radio Werewolf

Nati nella prima metà degli anni ottanta, i Radio Werewolf -per un lungo periodo- sono stati considerati come “la band più pericolosa del mondo” e, questo, in gran parte era ‘merito’ della frontwoman Zeena Schreck. Zeena, infatti, è la figlia del fondatore della Chiesa di Satana: Anton Leavy.

Zolar X

Band glam rock americana nata nel 1973, gli Zolar X acquistarono una certa fama anche soprattutto grazie al loro eccentrico stile. I membri degli Zolar X, infatti, erano soliti vestirsi come degli.. alieni! E, non solo si vestivano come surfisti spaziali in abito d’argento e le antenne, ma avevano inventato anche un linguaggio alieno. Insomma, questa si che è una band fuori dal comune!

Compressorhead

I Compressorhead sono una band strumentale formata unicamente da… robot! Ogni singolo membro -sei in totale- è stato costruito con materiale riciclato tra il 2007 e il 2012. Il progetto è nato dall’artista berlinese Frank Barnes e dai suoi collaboratori: Markus Kolb, Stock Plum e John e Rob Wrigh come direttori musicali, cantautori e vocalist). La scaletta tradizionale dei Compressorhead include grandi classici dei Motorhead, degli AC/DC, dei Pantera e dei Ramones.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)