gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le canzoni più poetiche di Rino Gaetano

Molto si è detto sull’impatto che Rino Gaetano ha avuto sulla musica italiana e oserei dire anche sulla società. Un cantautore che non ha mai voluto la definizione di impegnato, ma che con l’apparente leggerezza dei suoi pezzi ha saputo descrivere la società come nessun altro. Tanti sono i suoi brani fraintesi, tra cui uno dei suoi più famosi, alcuni hanno perfino fatto scandalo. Oggi vi parliamo delle canzoni più poetiche di Rino Gaetano, affinché si possa cogliere la grande e immensa poesia che vi appartiene.

Ma il cielo è sempre più blu

Apparentemente non ha un testo profondo, ma in realtà nasconde un messaggio assolutamente unico. Spesso Ma il cielo è sempre più blu viene fraintesa, ad esempio viene considerata un inno all’ottimismo, alla libertà e alla vita. In realtà, questa interpretazione è errata, in quanto di fatto la canzone è una satira della società e il titolo è un’amara affermazione della vita che va avanti, il cielo è ancora blu, ma in una societari disuguali specie economicamente. Allora si tratta di una spensieratezza, ma profonda.

Sei ottavi

Non è una delle canzoni più conosciute del cantautore, ma sicuramente nasconde dei messaggi interessanti. Fece scandalo in quanto fa probabilmente riferimento ad un’esperienza sessuale in solitaria, di una donna addirittura, tabù di cui tuttora non riusciamo a liberarci. E questo significato così “scabroso” viene sviscerato con immensa delicatezza. Una vera e propria poesia.

Mentre la notte scendeva stellata stellata
Lei affusolata nel buio sognava incantata
E chi mi prende la mano stanotte mio dio
Forse un ragazzo il mio uomo o forse io
Lontana la quiete e montagne imbiancate di neve
E il vento che soffia, che fischia più forte e più greve
E che mi sfiora le labbra, chi mi consola
Forse un bambino gia grande o io da sola. 

A mano a mano

Il brano di fatto non appartiene a Rino Gaetano, che ne fece una cover, ma è di Riccardo Cocciante. Eppure, la versione di Gaetano assai più movimentata, ha fatto innamorare tutti. Il testo parla di una storia d’amore che sembra conclusa, ma mantiene ancora una grande speranza, un profondo senso di consapevolezza. Le rime sono semplici, ma il messaggio forse anche per questo si trasmette anche meglio.

Aida

Se dovessimo pensare ad un brano che descriva il nostro Stato, questo si adatterebbe benissimo. Rino Gaetano decide di usare vari riferimenti alla storia d’Italia attraverso uno stratagemma interessante. Infatti, al centro di tutto viene posta questa donna, Aida, che rappresenta l’Italia e sfoglia i suoi ricordi e tabù elencando vari momenti della sua vita. Un poetico reportage a cui dobbiamo essere molto grati.

E poi il ritorno
In un paese diviso
Più nero nel viso
Più rosso d’amore
Aida
Come sei bella. 

Io scriverò

Che cosa significa davvero scrivere ed essere un cantautore? Forse come pochi pezzi questo risponde a tali domande. Qui, il cantante espone tutte le sue ragioni, cosa lo spinge a scrivere, a essere come è. La poesia è tale perché è immediata, semplice e sincera. Una vera dichiarazione di poetica.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.