gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le teorie più assurde sulla storia del rock ‘n’ roll

Nel corso della storia del rock sono tantissime le teorie che si sono diffuse e che hanno assunto atteggiamenti differenti, talvolta ergendosi come portatrice di una verità che veniva ignorata dalla maggior parte dei fan o dei conoscitori della musica in generale. Parliamo di teorie complottistiche, talvolta assurde, che si sono sviluppate negli anni e che hanno trovato anche largo consenso da parte degli amanti della musica e del rock. In questa specifica sede vogliamo parlarvi di alcune delle più assurde teorie sul rock n’ roll che si sono diffuse nel corso degli anni, e che hanno ottenuto anche grande successo.

La leggenda della morte di Paul McCartney

La leggenda sulla morte di Paul McCartney certamente ha bisogno di ben poche presentazioni, dal momento che si tratta di un modo di pensare e di interpretare la musica dei Beatles in virtù di quella teoria complottistica, secondo la quale Paul McCartney sarebbe morto e successivamente rimpiazzato da un sosia. La teoria si è stesa nel corso degli anni per mezzo di tutti quei fantomatici indizi che i Beatles avrebbero lasciato nel corso delle loro pubblicazioni. Parliamo di elementi grafici presenti sulle copertine degli album più celebri della band, oppure di messaggi segreti presenti all’interno delle canzoni dei Beatles, e che, se ascoltati al contrario, dimostravano la verità. Insomma, la teoria ha trovato larga espressione e soprattutto grande senso, ancora oggi essendo oggetto di una condivisione da parte di tantissime persone.

Woodstock fu organizzato dalla CIA

Nel prendere in considerazione il Festival di Woodstock parliamo, senza dubbio, di uno degli eventi musicali migliori e più celebri di sempre, che ha naturalmente fatto la storia della musica non soltanto per la sua portata, ma anche per quel senso di amore, pace e libertà che si diffuse in un momento storico come quello del 1969. Eppure, secondo la teoria complottistica che nacque a seguito di questa manifestazione musicale stessa, il Festival di Woodstock sarebbe stato tutto un grande piano della CIA per permettere la morte delle intera generazione hippie, che sarebbe stata distrutta dal consumo di droghe e dalla condotta assunta durante i tre, poi divenuti quattro, giorni all’interno dei quali si tenne il concerto.

Elvis Presley è ancora vivo?

Molto spesso, la maggior parte delle teorie complottiste, prende in esame un soggetto nello specifico, ritenuto ancora vivo nonostante le dichiarazioni e le certificazioni che possano accertare la morte di un determinato personaggio pubblico. Nel caso specifico delle teorie più assurde che si sono diffuse nel mondo del rock n’ roll, è stata la figura di Elvis Presley ad essere particolarmente investita da questo alone leggendario, che lo vedrebbe ancora vivo. Secondo le teorie, Elvis Presley sarebbe entrato a far parte di un programma di copertura, dopo aver scoperto delle informazioni segrete relative alla morte di John Fitzgerald Kennedy. E ancora, secondo altre teorie il cantautore statunitense avrebbe deciso di abbandonare i riflettori e di fingersi morto, al fine di proseguire la sua vita in completa tranquillità, a seguito di tutta la pressione a cui fu sottoposto negli ultimi anni della sua vita.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.