gtag('config', 'UA-102787715-1');

Led Zeppelin: i segreti di Robert Plant su “Carouselambra”

I Led Zeppelin hanno conquistato il mondo attraverso un sound rivoluzionario quanto eclettico che gli ha permesso di raccogliere milioni di persone in tutto il mondo sotto la propria ala, battezzandole al Rock. I più grandi appassionati del gruppo hanno avuto modo di concentrare la loro curiosità su una moltitudine di aneddoti e misteri che circondano il nome della band; uno degli argomenti principali su cui i fan tendono a dibattere maggiormente è l’ultimo, straordinario, album in studio dei Led Zeppelin, In Through The Out Door, rilasciato nell’agosto del 1979. Il disco, si è affermato nell’immaginario collettivo come il più strano nel catalogo della band.

Persino i più avvezzi all’istrionismo del gruppo sono rimasti sbigottiti quando hanno ascoltato per la prima volta alcune tracce dell’ultimo lavoro degli Zeppelin in studio, come Fool In The Rain con le sue inflessioni Samba, ad esempio. In realtà, le tracce di In Through The Out Door sono tutte, a loro modo, intrise di fascino; basti pensare a South Bound Saurez e ad All My Love.

Lo stesso Jimmy Page si rivelò non poco perplesso riguardo le atmosfere generali tessute dall’ultimo album della band fautrice dell’Hard Rock. Tracce come In The Evening e Caoruselambra, però, rendono il disco l’ennesimo lavoro riuscito dei Led Zeppelin. In ogni caso, i testi criptici di Carouselambra hanno spesso posto Robert Plant al centro di non poche speculazioni riguardo i segreti che il cantante ha voluto nascondere nella traccia dei Led Zeppelin e che abbiamo riportato in quest’articolo.

I segreti che Robert Plant ha nascosto nella traccia dei Led Zeppelin

I versi epici e oscuri che Robert Plant ha riservato a Carouselambra, hanno tormentato il leggendario cantante per lungo tempo, arrivando, addirittura, a fargli desiderare di aver concepito il brano in modo completamente diverso. Di primo acchito potrebbe sembrare che Plant stia parlando del pubblico raccolto dai Led Zeppelin dopo Physical Graffiti, nel 1975.

In realtà, i riferimenti nel testo del brano risuonano molto più personali quando si va avanti con l’ascolto. Del resto, in quel periodo, il cantante lottava contro i demoni della morte di suo figlio, di appena cinque anni, avvenuta l’anno prima. Page e Jones, tra l’altro, non presero parte al funerale del piccolo. A dispetto del significato letterale che il testo potrebbe assumere, comunque, Plant rivelò poco dopo l’uscita del disco che, le lyrics si rifacessero al periodo che la band stava vivendo in quegli anni.

I segreti lasciati da Robert Plant nel testo di Carouselambra, comunque, continuano ad essere il fulcro di accesi dibattiti tra i fan più sfegatati dei Led Zeppelin. Questo, è dovuto anche al fatto che, il cantante, avesse rivelato dopo molti anni che il brano fosse dedicato a qualcuno e che, il messaggio trasmesso dal cantante, fosse indirizzato ad un membro della sua famiglia. Che Plant si riferisse al funerale del piccolo e all’assenza di Page nei versi criptici di Carouselambra? La risposta potrebbe essere stata sotto i nostri occhi da ormai quarant’anni, ma il diretto interessato, però, continua a custodire il segreto dentro di sé.

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)