21 January, 2021, 14:23

Led Zeppelin: La storia delle feste più pazze della band a bordo dello Starship

I Led Zeppelin sono stati una band semplicemente straordinaria. La loro attitudine smisurata sul palco si rifletteva nella loro vita privata a riflettori spenti; causando spesso aspre conseguenze. Il grande Dirigibile padre dell’Hard Rock, del resto, impersonò alla perfezione i tratti più arroganti e dissoluti del life-style da Rocker. Eccesso ed edonismo fioccavano nelle esistenze dei quattro, leggendari, membri della band che, prima e dopo aver incendiato platee oceaniche con la loro musica, adoravano circondarsi delle compagnie più disparate e fare festa come solo le Rockstar che hanno fatto la storia sapevano fare. Che la storia dei Led Zeppelin sia circondata dalla tragedia a causa del loro epilogo, giunto con la fatidica morte di John Bonham, proprio a causa delle sue dipendenze dall’alcool, è cosa ben nota. In quest’articolo, quindi, abbiamo deciso di concentrarci sugli anni migliori, raccontando delle feste pazze dei Led Zeppelin a bordo dello Starship.

Le feste dei Led Zeppelin sullo Starship

Lo Starship era un aereo privato, un Boeing 720 che alcune tra le più grandi star del Rock hanno utilizzato nel corso della loro carriera per festini privati mentre si spostavano da una parte all’altra in giro per il mondo durante i tour. Lo Starship, di proprietà degli Zeppelin, passo alla storia proprio per gli eventi che avvenivano a bordo. Capita spesso, ormai, che questo tipo di aneddoti passino sotto i radar degli appassionati; eppure, fino al suo smantellamento, avvenuto nel 1982, il Boeing era stato un simbolo del Rock e della dissolutezza insita nei suoi anni d’oro.

La storia dello Starship è questa: prima che i Led Zeppelin ne usufruissero per le loro feste più selvagge, il velivolo era stato acquistato dal cantante Bobby Sherman. L’artista sborsò una cifra, oggi irrisoria, di 200.000 dollari per il Boeing, per poi apportare una serie di modifiche interne utili all’obiettivo di festeggiare. Fu così che i posti diminuirono a 42, lasciando spazio a poltrone, bar, tavoli, divani e ogni comfort che, all’epoca, si potesse immaginare.

I 4 Zeppelin al picco della fama, non ci pensarono due volte e acquistarono il mezzo da Sherman, sfruttandolo nel corso dei loro tour nordamericani dal 1973 al 1975. Tra gli episodi più curiosi che riguardano la “cassa di gin volante” (così amava definirla Peter Grant, manager del gruppo) occorre citare il volo pilotato da niente meno che John Bonham! Comunque sia, come detto, nel corso degli anni moltissimi artisti si sono serviti dei lussi dello Starship, tra questi, figurano i nomi di Alice Cooper, Elton John e Deep Purple, tra gli altri.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)