gtag('config', 'UA-102787715-1');

Led Zeppelin: quella volta che John Paul Jones si ritrovò a letto con… un uomo!

Di storie sui Led Zeppelin ve ne abbiamo raccontate a bizzeffe, su ogni singolo membro. Oggi, però, vi racconteremo una storia che ha davvero dell’assurdo, il cui protagonista è il tastierista e bassista John Paul Jones.

John Paul Jones, autore dell’iconico riff di Black Dog

John Paul Jones, al secolo John Baldwin, per chi non lo sapesse è l’autore dell’iconico riff di Black Dog. Il brano, estratto dal quarto album della band Led Zeppelin IV, è stato pubblicato il 2 dicembre del 1971. Nonostante siano passati tantissimi anni dalla pubblicazione, questa iconica canzone dei Led Zeppelin è ancora amatissima e ascoltatissima. Il riff di Black Dog è uno dei più belli di sempre: non a caso si è piazzato al primo posto della speciale classifica di Q Magazine “20 Greatest Guitar Tracks”

Ciò che rende Black Dog così potente è la natura del suo riff, nato dalla mente geniale del bassista John Paul Jones. John, infatti, lo pensò mentre era in treno, di ritorno da una giornata di prove con Page. John Baldwin, senza pensarci troppo, tirò fuori un pezzo di carta e lo trascrisse, usando un antico sistema di notazione che aveva imparato dal padre. L’idea di Jones era quella di creare un qualcosa che fosse complicato ma allo stesso tempo spettacolare.

Quella volta che Paul Jones si ritrovò a letto con un uomo

Adesso, però, torniamo alla storia che ci ha portato fin qui: quella volta che John Paul Jones finì a letto con un uomo. La storia risale al 1973: John, di solito il più riservato e pacato della band, sta bevendo in un bar di New Orleans in compagnia del manager dei Led Zeppelin Richard Cole. L’artista britannico beve un bicchiere, due, tre, quattro e alla fine si ritrova a parlare con due drag queen.

Tra una risata e l’altra John chiede ad una delle due, Stephanie, di seguirlo in camera da letto. I due salgono, rollano una canna e continuano tranquillamente a bere. E, forse, presi dalla troppa tranquillità e dall’effetto della cannabis, si ritrovano presto a letto insieme: purtroppo, però, nessuno dei due ricorda di spegnere la canna, facendo scattare l’allarme antincendio. I pompieri accorrono e buttano giù la porta: davanti a loro, però, non trovano alcun incendio. Trovano, piuttosto, due persone nel letto a dormire: uno era il bassista dei Led Zeppelin, l’altro un travestito.

La notizia, come potete immaginare, fa presto il giro del mondo, passando da giornale a giornale. John non smentisce il fatto, ma nega di aver avuto un rapporto sessuale con Stephanie. Ovviamente non sappiamo cosa sia accaduto in quella stanza, ma questa resta una delle storie più assurde legate a John Paul Jones.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)