Lemmy, l’ultima straziante telefonata di Ozzy Osbourne al leader dei Motörhead

Lemmy Kilmister, il leggendario frontman dei Motörhead, è morto nel 2015 all’età di 70 anni. In un’intervista piuttosto triste e sentita, il suo amico Ozzy Osbourne ha reso omaggio al cantante e bassista e ha ricordato la sua telefonata avvenuta il giorno della sua morte. Lemmy Kilmister è morto di cancro alla prostata, aritmia cardiaca e insufficienza cardiaca il 28 dicembre 2015, pochi giorni dopo il suo settantesimo compleanno. Parlando con la rivista Metal Hammer l’anno scorso, Ozzy ha affermato di aver chiamato il frontman dei Motörhead il giorno della sua morte.

L’ULTIMA CHIAMATA A LEMMY

Ozzy ha dichiarato: “Sapevo che stava morendo. Non sapeva nemmeno che fossi io e ho dovuto dirgli: “Sono Ozzy, Lemmy“. Mi aveva appena gorgogliato al telefono e gli dissi: “Lemmy, per amor del cielo, resta lì. Sto arrivando“. Ozzy e sua moglie Sharon Osbourne si precipitarono subito dal loro amico Lemmy, ma era troppo tardi. Ozzy ha continuato: “Ho detto a Sharon, cazzo, sali in macchina. Andiamo al suo appartamento. E proprio mentre stavamo partendo lei si avvicinò a me e disse: “Non preoccuparti, se n’è andato“.

I PROBLEMI DI SALUTE DI LEMMY E IL FUNERALE

Lemmy ha sofferto di una serie di gravi problemi di salute negli anni precedenti la sua morte ed era stato ricoverato in ospedale a causa di un’infezione polmonare mesi prima di morire. Ozzy ha anche parlato del funerale di Lemmy, che si è tenuto a gennaio 2016, in cui hanno partecipato tra gli altri Lars Ulrich, Dave Grohl e Slash. “C’era un vassoio di bevande mentre entravi in ​​chiesa. Ho pensato, questo è Lemmy, va bene!“. Quest’ultime sono state le parole di Ozzy a commento del funerale del suo amico Lemmy. Difatti i Motörhead avevano supportato Ozzy nel suo primo tour negli Stati Uniti moltissimi anni fa.

LA TRISTEZZA DI PERDERE UN AMICO

Bei tempi, erano tutti bravi ragazzi. Mi mancano tutti, a dire il vero“. Ozzy non si riferisce infatti solo la morte di Lemmy, ma anche del batterista e chitarrista dei Motörhead. Il batterista originale dei Motörhead, Phil Taylor, è morto l’11 novembre 2015, poche settimane prima di Lemmy, e il chitarrista Eddie Clarke è deceduto il 18 gennaio 2018. Dopo la morte di Lemmy, Ozzy ha condiviso un commovente tributo in cui ha scritto: “Ha vissuto al massimo lo stile di vita rock & roll, ma è comunque triste quando perdi un amico del genere.”

L’ADDIO DEL MANAGER

Il manager di Lemmy, Todd Singerman, ha detto a Sky News all’epoca: “Nessuno aveva idea, abbiamo appena saputo sabato, due giorni fa, che aveva persino un cancro e il dottore gli ha detto che aveva tra i due e i sei mesi di vita. È morto oggi mentre stavo chiamando i suoi compagni di band Phil Campbell e Mikkey Dee, dicendo loro di fare in modo che potessero dare un ultimo addio a Lemmy. Ci sentivano molto giù di morale. Non ci si aspettava che morisse così“. Il suo manager ha anche rivelato come Lemmy aveva reagito alla notizia della sua diagnosi. “Oh, solo due mesi, eh?” aveva detto Lemmy.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.