gtag('config', 'UA-102787715-1');

L’incredibile segreto che Jimi Hendrix disse a Pete Townshend prima di un concerto

Nell’ambito della storia della musica, Jimi Hendrix è stato fondamentale non solo nelle epoche successive, in cui è stato ispirazione per cantanti, chitarristi e artisti di ogni genere, ma anche nella sua epoca, in cui è riuscito a influenzare di netto le tendenze artistiche. Vi raccontiamo dell’incredibile consiglio che diede a Pete Townshend. 

Il consiglio di Jimi Hendrix prima del concerto

Nel parlare della figura di Jimi Hendrix, Pete Townshend ha deciso di citare un momento piuttosto particolare, che ha visto il celebre e incredibile chitarrista dire un segreto al leader dei Who prima di un suo concerto. Potrebbe sembrare strano, ma anche uno come Townshend ha bisogno di consigli di questo genere, di contatti con quello che è probabilmente il miglior chitarrista della storia della musica.

Ecco che cosa gli ha detto Jimi Hendrix: “Sì, beh, è ​​stata un’esperienza cosmica. Era da Blaze, in una discoteca di Londra. È stato davvero fantastico. Penso che tu abbia dovuto vedere Jimi Hendrix per capire davvero di cosa parlava.L’ho incontrato, ovviamente, perché era sulla nostra etichetta discografica, era venuto in studio, era venuto con il suo manager Chas Chandler, che era il bassista della band chiamata The Animals. Chas se n’era andato ed era entrato in gestione, aveva scoperto Jimi Hendrix, aveva messo insieme una band.”

E ancora, continuando il suo racconto: “Jimi non aveva familiarità con il tipo di modo in cui Cream e The Who lavorano sul palco con le loro apparecchiature, ha chiesto alcuni consigli sugli amplificatori, quindi ho detto: ‘Beh, sto usando Marshall e ho trovato questo nuovo amplificatore ad alto watt , ti suggerirei di comprarne uno. “

L’elogio di Pete Townshend a Jimi Hendrix

Dopo aver parlato del consiglio segreto che Jimi Hendrix ha dato a Pete Townshend, lo stesso britannico ha continuato elogiando la figura di Jimi Hendrix, com’è naturale che sia data l’ispirazione che lo stesso statunitense ha offerto nella storia della musica.

Le parole di Pete Townshend sono state significative, raccontandosi al Rolling Stone: “Così ha fatto. Penso a Marshall ma, comunque, ha iniziato a suonare e, naturalmente, era un musicista brillante, un musicista meraviglioso – molto inventivo. Ma aveva la voce più bella. Non era un grande firmatario, ma aveva una bella voce, una voce fumosa, sai, una voce davvero sexy. E quando l’ho visto in studio, aveva questa giacca militare che suppongo avrebbe dovuto evocare l’era hippy. Era coperto di polvere e forfora, sembrava solo trasandato. Ho pensato: ‘Beh, questo ragazzo potrebbe rivelarsi a posto.”

E non è finita qui: “Ad ogni modo, quando l’hai visto in un’arena dal vivo, era come lo ‘shamer’, è l’unico termine che posso usare. La luce sembrava uscire da lui, stava camminando sul palco e improvvisamente sarebbe esploso alla luce, ed era molto grazioso. Faceva semplicemente questa cosa con il braccio, si muoveva, usava la lingua, non suonava solo buone note, quello che suonava sembrava essere molto grazioso. Poco dopo, ho chiamato Eric [Clapton], ho detto: “Devi vedere questo ragazzo, è sulla nostra etichetta, devi vederlo”, siamo andati a vederlo e Jimi è stato davvero colpito dal fatto che Eric fosse nel pubblico.”

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.