gtag('config', 'UA-102787715-1');

Marilyn Manson intervista Nicolas Cage: “Ho vinto 20 mila dollari e li ho dati in beneficenza”

L’attore, produttore e doppiatore californiano Nicolas Cage ha scelto di mettersi a nudo. La nota star cinematografica ha rilasciato un’intervista al suo caro amico Marilyn Manson, uno degli artisti più sorprendenti e dissacranti del panorama rock internazionale. L’attenzione di Cage si è concentrata soprattutto su un episodio che lo ha visto protagonista verso gli inizi degli anni ’90, per un aneddoto alquanto curioso e per certi versi stupefacente.

L’ultima esperienza di Nicolas Cage con il gioco d’azzardo

L’intervista si è aperta con Nicolas Cage che ha parlato di un episodio ben preciso, inerente alla sua passione pregressa per il gioco d’azzardo“Non gioco più ormai da circa 30 anni. Quando mi trovavo alle isole Bahamas, entrai in un casinò e mi sentivo come se avessi insieme a me un portafortuna infallibile. Pensavo che nulla sarebbe potuto andare storto”, così si apre la confessione dell’attore Marilyn Manson“Stavo continuando a giocare con la roulette. Entrai nella sala con 200 dollari e non persi neanche in un’occasione. Anche la signora che faceva girare la ruota era rimasta stupefatta. Nel giro di 20 minuti, quei 200 dollari erano diventati ben 20 mila”. Una crescita esponenziale, dunque, che la star americana scelse di utilizzare in una maniera alquanto particolare e onorevole.

La scelta di Cage di devolvere l’intero ricavato in beneficenza

Cosa ha scelto di fare il buon Nicolas Cage dopo aver conseguito una cifra così ingente nel giro di poche ore? “Sono subito andato presso un orfanotrofio alle Bahamas. Ho incontrato la direttrice e tanti bambini e ho scelto di donare l’intera somma alla struttura. Ho messo i 20 mila dollari in mano alla direttrice. Quindi, sono andato via dall’isola e ho scelto di non giocare più d’azzardo. Se lo avessi fatto, avrei rovinato l’importanza di un momento così solenne”. Un gesto definitivo e al tempo stesso di profonda solidarietà nei confronti dei meno abbienti, che rende lo stesso Cage una figura molto più vicina alla gente comune di quanto si possa immaginare.

Le riflessioni di Nicolas Cage sulla sua carriera

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)