gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson e Prince: storia di una collaborazione mai avvenuta

Il mondo della musica, e più in generale quello del rock, è ricco di storiche ed uniche collaborazioni. Non sono mancate però, negli anni, faide e litigi (molto spesso per futili motivi), rivalità e contrasti tra artisti del panorama mondiale. Oggi, ad esempio, vogliamo soffermarci in particolar modo sull’incontro-scontro tra due mostri sacri della musica come Prince e Michael Jackson.

La storia dell’incontro-scontro tra Michael Jackson e Prince

Questi due pesi massimi della musica avevano non poche cose in comune. Innanzitutto Prince Rogers Nelson, in arte Prince, e il Re del pop erano nati lo stesso anno: nel 1958. Entrambi di colore, entrambi dotati di un carisma e un talento unico, questi due artisti provenivano da una formazione artistica molto simile e, insieme, hanno completamente dominato la scena musicale degli anni ottanta. Nonostante tutte le somiglianze, perfino fisiche oltre che stilistiche, è doveroso fare una precisazione: Michael Jackson era (ed è ancora oggi) il re assoluto del pop. È colui che, grazie all’album Thriller, è riuscito a vendere oltre 100 milioni di copie nel mondo. Deceduto il 25 giugno del 2009, Michael Jackson grazie alla sua spiccata personalità e ai suoi immortali brani è entrato di diritto nell’Olimpo della musica. Insomma, qualora qualcuno avesse in mente di fare un confronto, il peso della bilancia penderebbe da un solo lato.

Paragoni a parte, il rapporto tra Prince e Michael Jackson non era certo dei migliori. Questi due colossi della musica mondiale, infatti, più e più volte si sono scontrati, criticando l’uno le qualità dell’altro. Il primo contatto ci fu nel 1985, quando il produttore discografico Quincy Jones, che aveva avuto a che fare con entrambi, cercò di coinvolgere Prince nel progetto musicale di Michael Jackson e Lionel Ritchie:We Are The World”, registrato alla fine dal supergruppo USA for Africa. L’iconica voce di “Kiss”, tuttavia, rifiutò categoricamente di collaborare con Jackson. Poco tempo dopo, mentre Jackson stava lavorando al brano ‘Bad’, Quincy cercò nuovamente di avvicinare queste due star internazionali. Quello di Prince fu un altro secco e deciso ‘no’. Michael Jackson, che è sempre stato un personaggio piuttosto eclettico e a tratti anche permaloso, ovviamente non gradì affatto il rifiuto di Prince.

Il Re del pop: “odio essere paragonato a Prince”

Nonostante i due musicisti non abbiano mai ammesso pubblicamente una palese antipatia l’uno per l’altro, ci sono più e più prove ad avvalorare tale tesi. In quegli anni, infatti, si diffuse un audio registrato durante la stesura della biografia di Jackson, Moonwalker, molto molto significativo:

“Odio essere paragonato a Prince e credo sia ingiusta come cosa. Lui crede vivamente che io sia un suo rivale e, ad essere sincero, spero proprio che cambi presto idea. Insomma… si potrebbe fare seriamente del male. Credo sia anche il tipo di persona che potrebbe arrivare a suicidarsi o cose del genere. È sempre stato molto scortese e competitivo con me, una delle persone più scostumate che io abbia mai conosciuto.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)