gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, Le canzoni più tristi del re del pop

Per quanto Michael Jackson sia stato un artista tormentato, la sua musica non si può certamente definire cupa. Infatti, complice la presenza delle coreografie nella maggior parte dei brani, il suo repertorio vanta una immensa quantità di canzoni movimentate, allegre, con messaggi profondi ma non tristi. La percentuale di canzoni malinconiche nella sua discografia è piuttosto scarsa, anche se un fondo di tristezza si diceva fosse sempre presente negli occhi dell’artista. Eppure, le poche presenti sono assolutamente intense e molto belle. Ne abbiamo raccolto cinque.

Stranger in Moscow

A partire dal video ufficiale in bianco e nero fino all’ambientazione, Stranger in Moscow è una delle canzoni più tristi e introspettive di Michael Jackson. La tematica principale, è chiaro, è sicuramente la solitudine. I sentimenti del protagonista nel testo si riflettono prima che nelle parole nell’ambiente esterno, in particolare sul clima. La pioggia e il freddo sono le metafore principali che ci fanno sprofondare in questa atmosfera triste ed anche onirica.

Little Susie

Questa è forse la canzone più straziante di tutto il repertorio del cantante. Infatti, sembra sia ispirata ad una storia vera. Racconta di una bambina che aveva una situazione familiare difficile, con la mamma che spacciava droga e solo una sorella a prendersi cura di lei. Quando la madre morì le sorelle andarono a vivere col nonno, che era un alcolista. La bambina sarebbe stata uccisa dal nonno ubriaco. Così viene descritta una situazione atroce in questo brano davvero triste.

She’s outta of my life

Il re del pop era solito concludere le sue performances live di questa canzone inginocchiandosi e coprendosi il viso, simulando il pianto. La principale tematica è sicuramente la nostalgia e la soffrrenza a causa della fine di un amore. Pur essendo il classico brano sulla fine di una storia, non è affatto banale e ancora oggi ci emoziona.

Earth song

In questo brano non troviamo una storia personale di tristezza vissuta da una sola persona o un dramma del singolo, ma un problema che riguarda tutti. La Terra si sta distruggendo e rovinando a causa degli uomini che hanno deciso di non prendersene più cura. Sappiamo bene che al pianeta Michael Jackson dedicò diversi pezzi, ma questo con il suo iconico video ufficiale è sicuramente il più famoso e quello che colpisce di più gli ascoltatori.

Gone too soon

In questa canzone Jackson tratta un tema molto importante, un’esperienza che tutti noi un giorno purtroppo vivremo: la perdita di una persona cara. Qualcuno che è andato via troppo presto e che ci manca e mancherà per sempre. È uno dei brani più delicati della discografia del cantante.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.