gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, perché Neverland è rimasta invenduta dopo la morte del cantante

Michael Jackson, il leggendario e indiscusso Re del Pop, è venuto a mancare improvvisamente nel 2009. Da quel momento, la vasta dimora di Neverland – proprietà multimilionaria nella quale risiedeva il cantante – è rimasta vuota. Nell’ultimo periodo anzi sta affrontando il rischio di demolizione, essendo ormai fuori dal mercato immobiliare e non disponibile per i compratori. Ma per quale motivo la casa dell’autore di Thriller non è mai stata acquistata da nessuno?

MICHAEL JACKSON, STORIA E CARATTERISTICHE DI NEVERLAND

Il Neverland Valley Ranch è una proprietà dal valore multimilionario, di circa 1,100 ettari, situata nei pressi di Santa Barbara, in California. La dimora non è tanto nota per le sue dimensioni da capogiro o il suo valore esorbitante, ma piuttosto per il fatto di essere stata la residenza privata di Michael Jackson. Il Re del Pop l’acquistò nel 1988 e ne trasformò una parte in un parco a tema, dove ricevere invitati e bambini malati.

L’autore di Thriller riuscì comunque ad aggiudicarsi la lussuosa dimora solo dopo anni di contrattazione, per la “modica” cifra di 19,5 milioni di dollari. Dopo anni di lavori e inviti ad un ristretto circolo di persone, Michael Jackson aprì per la prima volta il ranch alle telecamere nel 1993.

LE ACCUSE E I PROCESSI CONTRO IL RE DEL POP

E’ proprio nel 1993 che Michael Jackson viene coinvolto per la prima volta in una serie di problemi con la legge, a causa di denunce di abusi fatte contro di lui da due giovani che trascorrevano molto tempo al ranch. In quell’anno il tutto si risolve con una somma di denaro, richiesta dalle famiglie degli accusatori per ritirare la denuncia. Ma dieci anni dopo, il Re del Pop torna in tribunale per fronteggiare nuove denunce per abuso su minori. E’ stato dichiarato non colpevole per tutti e 10 i capi d’accusa.

Nel mentre Neverland, coinvolta nella causa come luogo dove si sarebbero svolti i fatti, è stata perquisita due volte. Nel 2003 e nel 2004. Il Re del Pop la utilizza come residenza fissa fino al 2005 quando, a causa degli ingenti debiti accumulati con i processi e a causa dello stato di devasto nel quale versava la casa, si trasferisce definitivamente a Los Angeles. Per alcuni anni Neverland è rimasta disabitata fino a che nel 2008 la linea di alberghi Colony Capital ne è diventata co-proprietaria assieme allo stesso Michael Jackson.

NEVERLAND, PERCHE’ E’ RIMASTA INVENDUTA?

Dopo la morte di Michael Jackson Neverland è rimasta invenduta. Ma per quale motivo? Nel 2015 il ranch è stato messo in vendita alla cifra astronomica di 100 milioni di dollari, nonostante il disappunto di fan e di una parte della famiglia. Nel 2018 il prezzo è stato abbassato di circa 33 milioni, ma non è stato comunque acquistato da nessuno.

Le ripetute denunce contro il cantante di Thriller hanno fortemente compromesso il valore di Neverland agli occhi del pubblico e nell’immaginario collettivo. Come ha detto l’esperto immobiliare Michael Corbett ai microfoni di Yahoo Entertainment: “E’ stata messa sul mercato a quel prezzo inizialmente per attirare l’attenzione di un compratore di trofei da rockstar, qualcuno che avrebbe pagato il prezzo in più perché era stata di Michael Jackson. Sfortunatamente data la visibilità negativa che ha avuto – ha continuato a spiegare Corbett non la comprerà nessuno proprio per questo motivo”. Presumibilmente, se continuerà a rimanere nello stato in cui è ora, in futuro Neverland potrebbe essere demolita.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.