23 January, 2021, 10:12

Michael Jackson, Quando Mina incise una cover di Billie Jean

Michael Jackson è un artista che anche dopo anni dalla sua morte fa parlare di sé. Fin dai suoi primi passi nel mondo della musica, ha mostrato un carisma ed un talento fuori dal comune che gli hanno permesso di diventare una pietra miliare dell’intrattenimento. Il look, i passi di danza, lo stile, ogni cosa di Michael Jackson ha inevitabilmente influenzato i suoi contemporanei e non solo. Anche in Italia è stato molto apprezzato e tra gli artisti che hanno sempre affermato di ammirarlo vi è Mina, una delle nostre voci più interessanti. Per omaggiare Michael Jackson, Mina scelse proprio di fare una cover di Billie Jean. 

Billie Jean e la sua storia

Come sappiamo, si tratta di uno dei lavori più famosi di Michael Jackson. L’ispirazione per Billie Jean, singolo di enorme successo tratto da Thriller, risale a un’esperienza che ha vissuto il re del pop quando era ancora nei Jackson 5. Ha spiegato che sempre delle groupies iniziavano a fare affermazioni assurdi e congetture del tipo che uno di loro fosse il padre di un loro figlio. Sembra che sia capitato a suo fratello Randy o forse allo stesso Jackson che una certa Billie Jean si presentasse da lui affermando di aspettare un figlio e imponendogli di riconoscerlo. Per questo nella canzone Jackson dice “Billie Jean non è la mia amante”. Il brano non è celebre tanto per il significato, ma naturalmente, ad attrarre di più è stato il ritmo e soprattutto l’iconico Moonwalk, il passo che Michael Jackson presentò la prima volta proprio sulle note di questa canzone.

Mina canta Michael Jackson

Mina è sempre stata una grande cantante, dalla voce inconfondibile e potentissima. Ha mostrato di essere molto versatile e di avere una grande cultura musicale. Non sorprende, quindi, che conoscesse e ammirasse la musica del re del pop. Ha poi in comune con Michael Jackson un aspetto personale piuttosto importante: entrambi hanno sempre vissuto male la propria fama. Come sappiamo, la cantante scelse di ritirarsi dalle scene. Certo, Michael Jackson non ebbe mai questo pensiero, ma sappiamo tutti quanto gli pesasse il suo lavoro. Aver perso la sua infanzia per la musica e l’invadenza dei media rendevano in generale la sua vita complessa. Mina scelse di omaggiare il re del pop nel 1990, quando uscì il suo disco Ti conosco mascherina. Oltre a vantare importanti parolieri per quanto concerne le canzoni in italiano – come Pasquale Panella – Mina inserì una sua personale versione di Billie Jean. La sua cover è stata molto lodata e tra le numerose interpretazioni che si sono susseguite di questo brano, è una delle più apprezzate.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano", una raccolta di racconti dal titolo "Dipinti, brevi storie di fragilità" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical. (silviargento97@gmail.com)