I migliori concerti di Kurt Cobain

Kurt Cobain è passato alla storia, al di là di tutto il resto, per la grande passione e per le emozioni che era in grado di esprimere sul palco, attraverso una carica emotiva che riusciva a compensare qualsiasi difetto, qualsiasi mancanza. Le esibizioni dei Nirvana sono passate alla storia anche grazie a ciò che Kurt Cobain riusciva a trasmettere sul palco: vogliamo parlarvi, a questo punto, delle migliori esibizioni di Kurt Cobain realizzate con i Nirvana.

Migliori esibizioni di Kurt Cobain: Smells Like Teen Spirit Live in Reading (1992)

Una delle migliori esibizioni di Kurt Cobain in assoluto è quella di Smells Like Teen Spirits, in uno spettacolo come il Live in Reading del 1992 in grado di regalare grandi emozioni, talento e abilità ai fortunatissimi presenti. Si tratta di una delle esibizioni più ricordate di Kurt Cobain, non solo per ciò che riesce a trasmettere nelle sue urla strazianti e cariche di emozione, ma anche per il modo in cui riesce a risolvere un errore iniziale di Krist Novoselic.

Nell’aver sbagliato gli accordi iniziali della canzone più celebre dei Nirvana, la band aveva cercato di porre riparo al suo errore suonando More Than a Feeling, prima dell’intervento di Kurt, che ha fatto esplodere il pubblico presente in una miriade di urla impazzite.

Migliori esibizioni di Kurt Cobain: Where Do You Sleep Last Night MTV Unplugged (1993)

Tutti i fan dei Nirvana sono concordi nel pensare che l’MTV Unplugged del 1993 sia uno degli spettacoli migliori dei Nirvana. La band statunitense, che ha trovato in quel concerto acustico tutta la libera espressione del proprio talento, ha raggiunto picchi di massimo in alcune canzoni e in alcuni momenti della propria esibizione.

Una delle migliori esibizioni di Kurt Cobain è stata quella di Where Do You Sleep Last Night, canto popolare molto conosciuto nella cultura statunitense e oggetto di numerose cover e riadattamenti. Quello dei Nirvana, pieno di una carica emotiva senza eguali, vale ogni ascolto che gli si dedica.

Migliori concerti di Kurt Cobain: Lithium Live In Paramount (1991)

Il 1991 è stato un anno particolarmente florido per Kurt Cobain e per i Nirvana, che hanno tenuto una serie di concerti incredibili e ancora oggi ricordati dai fan della band grunge e non solo. Uno dei brani meglio interpretati che Kurt Cobain ha portato sul palco è stato Lithium, uno dei più amati della band statunitense. 

Ancora una volta sono l’emozione, la voce straziante e le urla impazzite del leader dei Nirvana, che riescono a coinvolgere i presenti in uno dei migliori concerti di Kurt Cobain.

Migliori esibizioni di Kurt Cobain: Dumb a Roma (Tunnel del 1994)

Uno dei migliori concerti di Kurt Cobain, benché sia stato incredibilmente breve e segnato da un’inopportuna risposta della televisione italiana, c’è stato nella trasmissione Tunnel. I Nirvana a Roma, nell’ambito della trasmissione televisiva, parteciparono con un Cobain ormai spento, visibilmente assente, ma che allo stesso tempo fu in grado di offrire un’emozione incredibile.

Una delle migliori esibizioni di Kurt Cobain è stata proprio quella di Dumb, a parere dei fan dei Nirvana una delle migliori canzoni che la band grunge abbia mai realizzato. Chi osserva quella particolare esibizione di Kurt Cobain in Italia nota, nello sguardo di Cobain, tutto l’imminente futuro che lo coglierà il 5 aprile 1994.

Migliori concerti di Kurt Cobain: Breed Live In Reading (1992)

Ritorniamo, a chiusura di questa nostra lista, al Live In Reading nel parlare di uno dei migliori concerti di Kurt Cobain. Una delle migliori esibizioni del leader della band grunge è, senza ombra di dubbio, quella di Breed. Il quarto brano contenuto all’interno del secondo album dei Nirvana, Nevermind, è stato esibito in un modo eccezionale, dominato certamente dalla grande carica delle chitarre impazzite, dalla danza folle e dalla voce e dal carisma di Kurt Cobain.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.