gtag('config', 'UA-102787715-1');

Morgan: quella volta che incontrò David Bowie

Morgan è uno dei personaggi del mondo musicale e televisivo italiano che nel corso degli ultimi quindici anni più si è distinto, nel bene e in quello che secondo alcuni è il male. Con gesti in grado di sorprendere il pubblico, come avvenuto nell’ultimo Sanremo, con l’ormai storico “Le brutte intenzioni, la maleducazione”, Morgan è sempre riuscito a far parlare di sé. Fresca di pochi giorni è la notizia della sua candidatura a sindaco di Milano nella lista “Rinascimento”, capitanata dal critico d’arte, nonché suo amico, Vittorio Sgarbi.

Morgan e la passione per David Bowie

Malgrado non tutti lo amino, in pochi hanno messo in dubio la sua competenza musicale, sia da un punto di vista teorico che storico. Diverse sono state infatti le occasioni in cui Morgan ha partecipato a trasmissioni online, televisive e radiofoniche in qualità di divulgatore. Risale all’anno scorso lo speciale Rai su David Bowie da lui proposto, ripreso, in forma estesa, senza limitazioni dovuti ai tempi ed ai canoni televisivi, in tempi recenti al programma online “Premiato Circo Volante Del Barone Rosso”, organizzato da Red Ronnie.

I Bluvertigo in apertura a Bowie

Morgan infatti non ha mai fatto segreto del fatto che David Bowie sia stato una delle sue più gradi influenze, così come Andrea Fumagalli, ossia Andy dei Bluvertigo. Quest’ultimo, prima che gli spettacoli dal vivo venissero interrati a causa del Covid-19, portava in giro per l’Italia uno show interamente dedicato proprio al duca bianco. Questi due musicisti ebbero l’occasione di incontrare il loro mito nel 2002, quando i Bluvertigo ne aprirono il concerto del 15 luglio a Lucca.

Morgan: “Mi ha salutato ed elegantemente se ne è andato”

Morgan ha avuto modo di parlare di questo incontro durante la presentazione del suo libro del 2008 intitolato “In pArte Morgan”. Si trattò in vero di un momento piuttosto fugace, ma che sicuramente resterà per sempre impresso nella memoria della formazione italiana. Nella fattispecie il cantante di “Altrove” disse: “Quando ci hanno presentare gli hanno detto: “Mister Bowie, lui è Morgan.” E lui rispose: “Sure!”. Poi mi ha salutato ed elegantemente se ne è andato.”.

Il film “Stardust”

Recentemente si è parlato dell’uscita del film “Stardust” che tratta di un periodo molto preciso della carriera di David Bowie. Stiamo parlando del 1971, quello del suo primo tour negli Stai Uniti d’America, che precedette la genesi del suo primo palare ego, ossia Ziggy Stardust. Si tratta probabilmente della sua controparte più nota, insieme a quella del duca bianco, e che possiamo ascoltare in brani come: “Starman”, “Hang On To Yourself” e “Rock’n’Roll Suicide”.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com