Morte di Freddie Mercury: le dichiarazioni del leader dei Queen e il dolore di Brian May

Freddie Mercury era consapevole del fatto che la sua malattia l’avrebbe portato alla morte, non temeva certamente il momento in cui tutto ciò sarebbe avvenuto. In un’intervista inedita, si può notare tutta la differenza tra Freddie Mercury e il suo compagno di band, Brian May, che era distrutto dal dolore nel momento stesso in cui rilasciava le sue dichiarazioni. Ecco che cosa ne pensavano entrambi della morte di Freddie Mercury.

Morte di Freddie Mercury: le dichiarazioni del leader dei Queen

Conoscere i sentimenti, le preoccupazioni e tutto ciò che Freddie Mercury pensava della sua morte non è assolutamente possibile. Sappiamo, chiaramente, quanto il cantante tendesse a mascherare le sue vere emozioni dietro un velo di indifferenza, scaltrezza e grande ironia.

A tal proposito, anche di fronte alle domande relative alla sua morte, Freddie Mercury – ben conscio del fatto che l’AIDS l’avrebbe portato alla scomparsa – sembrava non essere assolutamente scomposto. Ecco le sue dichiarazioni in merito alla morte: “Non penso davvero ‘Quando sarò morto, si ricorderanno di me?’ Dipende da loro, quando sono morto, a chi importa?”

Chiarite le circostanze relative alla morte di Freddie Mercury, alla domanda su cosa avrebbe preferito tra inferno e paradiso, il leader dei Queen rispose senza mezzi termini:  “No, non voglio … l’inferno è molto meglio, guarda le persone interessanti che incontrerai laggiù”.

Il dolore di Brian May dopo la morte di Freddie Mercury

La morte di Freddie Mercury ha cambiato irrimediabilmente la vita dei Queen. Di recente Roger Taylor si è espresso, dichiarando che dopo la morte del loro leader gli altri membri della band britannica pensavano che fosse tutto finito, non sapendo come e soprattutto con che spirito continuare.

L’umore di Brian May, completamente distrutto dalla morte del suo compagno di band, fu palese in un’intervista: Ho sentito la mancanza di Freddie terribilmente, sapevo che (la sua morte) sarebbe arrivata ma è ancora terribile.” E ancora: “Ne abbiamo parlato: (abbiamo detto) se qualcuno va, dovremmo semplicemente fermarci e ci siamo fermati per un tempo molto lungo, non avevamo il desiderio di andare avanti senza Freddie, era un processo doloroso, come quello che facciamo noi. Non voglio parlare dei Queen, non vogliamo essere i Queen, l’abbiamo fatto, vogliamo essere noi stessi adesso “.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.