gtag('config', 'UA-102787715-1');

Nirvana: Krist Novoselic costretto ad abbandonare i social, ecco perché

Di recente, l’ex bassista dei Nirvana Krist Novoselic è diventato protagonista di una diatriba social, caratterizzata da un suo posto all’interno del quale elogiava Donald Trump per il suo operato. In un momento storico particolarmente complicato, a seguito della morte di George Floyd e di tutte le proteste che sono nate e si sono moltiplicate negli Stati Uniti, il messaggio di Krist Novoselic non è stato particolarmente apprezzato da parte dei suoi fan e di tutti coloro che hanno avuto modo di leggerlo e di interagire, ed è per questo motivo che il musicista è stato costretto a cancellare i tuoi social, a seguito delle numerosissime polemiche che l’hanno visto bersagliato a seguito della pubblicazione di un suo post. Nel prendere in considerazione ciò che è avvenuto e che ha portato Krist Novoselic ad abbandonare i social, vogliamo parlarvi del suo elogio a Trump, delle sue dichiarazioni e di tutto ciò che è successo.

L’elogio di Kris Novoselic a Donald Trump e l’abbandono dei social

Di seguito, vi riportiamo il post all’interno del quale Krist Novoselic ha realizzato un elogio a Donald Trump, parlando della situazione che si è sviluppata negli Stati Uniti e della decisione del suo Presidente:

«Wow!!! So che molti di voi non lo sopportano, ma Trump ha messo a segno un gran colpo con il suo discorso nel parco. Ho guidato da Wahkiakum a Seattle e ritorno oggi e ho visto innumerevoli washingtoniani per strada. Non ho visto alcuna violenza – anche se una stazione di rifornimento Tesla era chiusa dalla polizia. Guidando, ho visto tante persone normali già sotto pressione per la situazione creata dal Covid. Adesso i social media e la televisione mostrano in loop immagini di un crollo sociale. Sono d’accordo, il presidente non dovrebbe spedire l’esercito negli Stati – e forse legalmente non può nemmeno – ciò nonostante, il tono del suo discorso è stato forte e diretto. Ho guardato le immagini dei media e ho pensato a quanto il nostro Paese sia polarizzato. Voglio dire, anche indossare le mascherine può essere visto come una dichiarazione politica! La violenza (non le proteste) sembra essere un’insurrezione di sinistra. Immaginate se le cosiddette «milizie patriottiche» scatenassero questo inferno? In tal caso le persone di sinistra approverebbero un intervento federale. La maggior parte degli americani vuole la pace nelle proprie comunità e il presidente Trump si è fatto interprete di questo desiderio. Lasciamo perdere i dettagli legali che pochi capirebbero – Trump ha detto che vuole fermare le violenze e questo è il desiderio di molti».

Il messaggio di chiarimento di Krist Novoselic su Facebook

Dopo essere stato costretto a cancellare i suoi social a seguito delle grandi polemiche nate per il suo post, Krist Novoselic ha voluto chiarire quanto detto, specificando di non essere fascista e di non supportare una corrente partitica nello specifico.

Seguono le sue dichiarazioni: «Come indipendente dichiarato non sono a pro dei grandi partiti né dei loro candidati. Mi sembra assurdo ribadirlo, ma non supporto alcun tipo di fascismo né gli Stati autoritari. Credo in una società civile e che tutti dobbiamo lavorare per mantenerla tale».

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.