gtag('config', 'UA-102787715-1');

Oasis, Noel Gallagher rivela: “Ho avuto attacchi di panico a causa di…”

Noel Gallagher ha ammesso che la sua battaglia per la cocaina gli aveva causato brutali attacchi di panico negli anni ’90. Il cantautore e chitarrista ex Oasis Noel Gallagher ha rivelato che l’assunzione di cocaina ogni notte per un periodo di quattro anni gli fece nascere fortissimi attacchi di panico. Dopo aver avuto attacchi di panico a causa di quasi ogni tipo di droga, Noel capì che non poteva più andare avanti. Dopo questa esperienza scelse di scrivere un brano, proprio dedicato a questa terribile emozione. Il brano è Gas Panic! e di fatto è uno dei migliori pezzi della band, rock e psichedelico alla massima potenza e pensate che è uno dei meno conosciuto del gruppo. Ma che ha detto Noel?

Il lungo periodo di tossicodipendenza di Noel Gallagher

Il vecchio Noel, ormai oltre cinquantenne, ha dichiarato al Mirror: “Era dal 1995 al 1998. Sono stati i miei anni folli. Ho dovuto fare il check-in in ospedale una volta. Ero a Detroit, infatti, e ricordo di avere avuto una forte psicosi e di dover andare in ospedale. Non avevano capito una parola che quello che stavo dicendo a causa del mio accento e mi dissero che ero comunque sulla buona strada. Ho avuto alcuni brutali attacchi di panico, motivo per cui ho smesso di drogarmi”. Gli attacchi di panico a causa di droghe varie furono per lui terribili.

Gli attacchi d’ansia di Noel Gallagher

Già all’Independent il Nostro aveva ammesso: “Nel 1997 era appena impazzito. Mi stavo facendo di un sacco di droghe e io e Liam eravamo semplicemente fuori controllo. Il più delle volte non avevamo idea di chi fossero i vari accasciati e distesi nella nostra casa. Le notti erano sempre strane, in situazioni particolari, tende chiuse e discussioni di alieni e atterraggi sulla luna”Noel soffriva di paralizzanti attacchi di ansia e si rese conto che la sua assunzione di droga era “fuori tempo massimo”.

La disintossicazione volontaria dalla cocaina

Poi giunse in lui una mostruosa epifania il 5 giugno 1998. In quel giorno si era svegliato e alzato dal letto per per guardare la Germania giocare in Grecia ai Mondiali, ignorando le masse di sconosciuti che si rollavano ogni cosa possibile. Si fermò un momento e si sedette invece con una confezione di noodles in scatola. Voleva assolutamente ripulirsi e decise di mollare tutto e smettere di drogarsi. Scelse subito di partire per la Tailandia con la sua compagna per provare a distrarsi. Scelsero poi di trasferirsi in campagna gettando il telefono. Da lì, smise con la droga.

E il fratellino Liam?

“Non faccio cocaina prima di un concerto. Aspetto fino a dopo”, ha detto il giovane Liam. In realtà non ha chiarito se fa uso o meno, ma poco importa oggi. Sappiamo che ora Liam Gallagher sta molto meglio, dopo aver avuto molta esperienza con il mondo della droga. Ma ora sembra essersi ripulito, concedendosi solamente qualche bevuta e qualche pinta di Guinness. Ma di cocaina o metanfetamina neppure l’ombra, principali responsabili del declino vocale della sua voce dagli anni 2000 al 2017 circa, anno d’uscita del suo primo album solista As You Were.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.