Patti Smith: qual è il più grande rimpianto della cantante americana?

Patti Smith, cantautrice, rocker e poetessa, è considerata da tutti come la sacerdotessa del Rock. Grazie al suo album di debutto Horses nel 1975, divenne una delle maggiori esponenti del movimento Punk Rock di New York. Le sue canzoni, veri e propri componimenti lirici in musica, hanno fatto la storia della musica.

La carriera di Patti Smith

La carriera di Patti Smith è iniziata all’età di 28 anni, con un connubio artistico in grado di mettere sullo stesso piano poesia e musica. I primi lavori  musicali, però, ebbero poco seguito e il sogno artistico di Patti Smith si tramutò ben presto in una realtà dove musica e poesia agivano su due binari mai distinti, ma allo stesso tempo non intersecati.

La donna, in un’ intervista, ha ripercorso le tappe più importanti della sua vita. “La carriera per me non è mai stata una priorità, ci mancherebbe. Ho sempre cercato di conciliare vita privata e lavoro, ma ora sono serena: i miei figli sono cresciuti e ho ancora tanti progetti da voler realizzare.”

Patti Smith non ha mai inseguito il successo, ha semplicemente lasciato che le cose facessero il proprio corso: “Per tutta la mia vita ho continuato a scrivere, studiare e leggere. Per me la scrittura è un esercizio quotidiano. Quando arrivai a Manhattan mi ritrovai catapultata in una vera e propria rivoluzione culturale. Ecco era questo quello che volevo realmente: entrare in contatto con quel mondo. L’idea del successo nemmeno mi sfiorava.”

Il più grande rimpianto della cantante americana Patti Smith

La sua vita, come quella di tantissime altre persone, è cambiata radicalmente quando ha trovato l’amore: “Gli anni del rock and roll sono stati bellissimi, ma anche logoranti. E, soprattutto, mi sentivo poco realizzata come artista. In pratica mi sentivo incompleta. Quando incontrai Fred cambiò tutto.” Ha raccontato Patricia Lee Smith, aggiungendo: “Scattò subito la scintilla. L’intesa era così forte che eclissò tutto il resto. Quando ami realmente qualcuno smetti di sentirti il centro del mondo. Le priorità diventano altre: la famiglia, i figli.”

Fred “Sonic” Smith, al secolo Frederick Dewey Smith, cambiò radicalmente la vita della donna. “Ho deciso di sposare Fred solo perché così non dovrò cambiare nome”, ironizzò una volta Patti Smith. In pochissimo tempo la Smith divenne moglie, madre e vedova. Riuscire a superare tale dolore, come potete immaginare, non è stato affatto semplice.

“Quando accadono cose del genere non puoi permetterti di arrenderti. Quando hai due bambini, uno di sei e uno di dodici, non puoi mollare e lasciarti andare. Ero distrutta, ma ho dovuto rimettermi l’elmetto e ritornare in guerra. Il mio più grande rimpianto? Non aver mai visitato l’Europa con Fred.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)