gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pearl Jam, Eddie Vedder: “durante le registrazioni dell’album Vs ho avuto un crollo emotivo”

I Pearl Jam, nati a Seattle nel 1990, sono una delle band di maggior successo degli anni novanta. Nonostante ciò, il gruppo non ha mai badato alla fama e al successo, anzi. Durante la loro carriera i Pearl Jam hanno sempre avuto un atteggiamento anti-commerciale.

Ten, il primo album della band, fu un vero capolavoro: capace di trascinare il grunge, insieme a Nevermind dei Nirvana, verso nuove direzioni. Il secondo disco, poi, non fu da meno.

Vs., l’album che spalancò le porte del successo ai Pearl Jam

L’album Vs., pubblicato il 19 ottobre del 1993, ha spalancato definitivamente le porte del successo alla band. Ad ogni modo i Pearl Jam scelsero, saggiamente, di non cavalcare l’onda anomala della fama. Optarono, piuttosto, per una scelta molto meno commerciale; rivoluzionando ogni precedente sforzo promozionale.

Rifiutando qualsiasi spinta mediatica, la band decise infatti di non produrre alcun videoclip per i vari singoli dell’album. “Alcuni brani”, spiega Vedder, “non sono fatti per diventare delle hit. Non è per questo che scriviamo i nostri pezzi. Sono canzoni delicate, che il mondo dello show business manderebbe in frantumi.”

La crisi emotiva di Eddie Vedder durante la registrazione dell’album Vs.

In Vs, il cui titolo originale era “Five Against One”, i Pearl Jam affrontarono l’ardua prova di dare un seguito a “Ten”, uno dei dischi d’esordio più fortunati della storia della musica. L’album garantì alla band successo e fortuna, ma anche tanto stress e tanta tensione: “Ci sono state non poche difficoltà durante la lavorazione del disco, una delle ultime sere ho perfino avuto un esaurimento emotivo”, ha raccontato Eddie Vedder in una recente intervista rilasciata per SiriusXM.

È un po’ come se esistessero due Eddie Vedder. Uno pacato, riservato, ambientalista e gentile. L’altro tormentato, intollerante e terribilmente sensibile. Il cantante di Evanston, poi, ha spiegato l’origine del suo crollo emotivo: “Ci sono stati dei cambiamenti improvvisi e il tempo a nostra disposizione nella sala di registrazione stava per terminare. Il produttore mi disse di stare tranquillo, di calmarmi. E così ci siamo presi un po’ di tempo per noi stessi, per schiarirci un po’ le idee.” Fortunatamente tra i Pearl Jam ritornò presto la quiete e furono in grado di ultimare Vs, uno degli album più introspettivi della band di Seattle.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)