gtag('config', 'UA-102787715-1');

Perchè Ian Gillan lasciò i Deep Purple?

L’uscita di Ian Gillan dai Deep Purple fu l’ultimo atto di un clima insostenibile che, all’interno della formazione, non tutti volevano sostenere. La formazione era vessata dalle problematiche personale, dai problemi tra i singoli membri, dal grande e pesantissimo carico di impegni e da una serie di fattori che rendevano impossibile continuare a seguire quel principio secondo cui la musica può e deve essere divertimento e passione, non noia e costrizione. A tal proposito, vogliamo raccontarvi il motivo per cui Ian Gillan lasciò i Deep Purple, citandovi anche la controparte di Jon Lord. 

Le dichiarazioni di Ian Gillan: perchè lasciò i Deep Purple

Era il 1973 quando Ian Gillan decise di lasciare i Deep Purple, consegnando una lettera di dimissioni alla band; il cantante prese la decisione di abbandonare l’organico a seguito del tour in supporto di Who Do We Think We Are. Con il tour che si sarebbe concluso nel 1973, l’ultima volta di Ian Gillan nei Deep Purple sarebbe stata in Giappone, in occasione dell’ultima data del tour. 

Le problematiche che provocarono la rottura tra le parti furono di natura personale e sociale: Ian Gillan ha dichiarato di essersi sentito sollevato al termine della sua esperienza in una band che aveva perso qualsiasi elemento di umanità e che pensava soltanto alla miriade di impegni cui era sottoposta. Queste le sue dichiarazioni in merito: “Se fossimo stati in grado di prenderci una pausa, allora forse avremmo elaborato il tutto. Ma eravamo su un tapis-roulant, e arrivai al punto di volermene andare. E’ per questo che lasciai le mie “dimissioni” con una lettera.”

Le dichiarazioni di Jon Lord: “E’ stato vergognoso”

Se Ian Gillan ha dato la sua spiegazione del perchè dell’uscita dai Deep Purple, anche Jon Lord ha detto la sua su quell’abbandono comunicato all’improvviso, prima del tour del 1973. Secondo il tastierista della formazione i problemi presenti all’interno della formazione non potevano certamente essere negati ma, allo stesso tempo, abbandonare la nave prima del suo effettivo tracollo non è stata una scelta saggia da parte del cantante, così come la decisione di comunicare la sua volontà attraverso una lettera. 

Ecco le dichiarazioni di Jon Lord in merito: “La lettera di Ian Gillan è stata una vergogna terribile. Sentiva che qualcosa non andava, e personalmente sarei stato più felice se fosse rimasto e avesse combattuto dall’interno. Stavamo davvero cominciando a decollare negli Stati Uniti in grande stile, ed è quello per cui stavamo lavorando così difficilmente. Forse se avessimo preso un po’ di tempo libero potrebbe essere stata una storia diversa.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.