gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd, David Gilmour: “Dopo l’abbandono di Roger Waters, ci siamo sentiti…”

L’abbandono di Roger Waters dai Pink Floyd ha rappresentato, senza dubbio, un qualcosa di particolarmente negativo per le sorti della band britannica; eppure, David Gilmour ne ha parlato in termini differenti. Ecco come si sono sentiti i Pink Floyd dopo l’abbandono del britannico.

Le dichiarazioni di David Gilmour sull’abbandono di Roger Waters

A proposito delle sensazioni provate dai Pink Floyd a seguito dell’abbandono di Roger Waters, David Gilmour si è fatto portavoce delle stesse: “Ho sempre saputo di voler continuare. Nic (Mason) sembrava appassionato. Mi sono imbattuto in Rick (Richard Wright) in Grecia quell’estate e gli ho parlato della possibilità di continuare ed era anche lui molto appassionato. Inizialmente ci siamo incontrati sulla barca nel 1986. Mi sono incontrato con Bob Ezrin perché avevo lavorato con lui nel 1979 e aveva lavorato con me in alcuni album. Ho imparato molto da Bob ed è una persona preziosa da avere a bordo. Abbiamo iniziato a lavorare su un pezzo di musica e quando siamo arrivati a Natale eravamo davvero a buon punto. Sapevamo che stava andando bene.”

E ancora: “Un giorno ho sentito che c’era qualcosa che mi stava ispirando, che è diventata “Sorrow”, ho scritto cinque versi una sera, sono appena usciti dal nulla e ci sono grandi momenti. Ho scritto le parole per prima cosa, ho scritto la musica che veniva dopo e l’ho fatta sentire come demo tutta una volta sulla barca in cui eravamo. Immagino che fosse stata una specie di svolta, sapevo che erano dei bei pezzi e questa cosa avrebbe funzionato”.

Infine: “Ero conscio che si sapesse che le case discografiche vorrebbero farci fare un album, sarebbero felici di prendere un buon album da noi come Pink Floyd. Ovviamente era diverso, Roger (Waters) non era lì, ma per certi versi ci siamo sentiti liberati dalle tensioni degli ultimi due album, in realtà, in particolare in Final Cut. Eravamo andati e e fu solo insieme, scrivendo e mettendo giù le cose che siamo andati avanti e c’era un senso di libertà e ottimismo.”

Roger Waters e il litigio con David Gilmour per essere stato bandito dai social dei Pink Floyd

Di recente, Roger Waters ha parlato del litigio con David Gilmour, dopo essere stato bandito dai social dei Pink Floyd: “Sono stato bandito da David Gilmour dal sito web e [dai canali social dei Pink Floyd]. Circa un anno fa, ho convocato una sorta di Camp David per i membri sopravvissuti dei Pink Floyd in un hotel dell’aeroporto di Londra, dove ho proposto tutti i tipi di misure per superare questa terribile situazione in cui ci troviamo. Non ha dato frutti, mi dispiace dirlo, ma una delle cose che ho chiesto – l’ho suggerito perché chiunque siate i 30 milioni di voi che si iscrive alla pagina web, lo fate a causa del lavoro che noi cinque abbiamo creato, che Syd [Barrett], io, Rick [Wright, tastiere], Nick [Mason, batteria] e David, in diversi anni, abbiamo creato.”

E ancora: “E di conseguenza, mi sembrava che fosse giusto e corretto avere uguale accesso a tutti voi e condividere i nostri progetti e blah-blah-blah. David pensa di possederlo. Penso che lo pensi perché me ne sono andato dalla band nel 1985, e ora pensa che possiede i Pink Floyd, che lui è i Pink Floyd, che io sono irrilevante e dovrei solo tenere la bocca chiusa. Siamo tutti benvenuti ad avere le nostre opinioni, ma ci sono stati brontolii, mi è stato detto da amici che hanno seguito queste cose. E alcune delle domande che ci vengono poste sono: ‘Perché dobbiamo sederci e guardare Polly Sampson anno dopo anno, mese dopo mese, giorno dopo giorno, e i Von Trapps che ci leggono estratti dai loro romanzi per farci dormire la notte? Eppure, non sentiamo nulla di ciò che Roger sta facendo o di “This Is Not a Drill”, o quando fa un lavoro non viene mostrato, e nessuno di questi lavori è pubblicizzato. Il film ‘Us and Them’, che è appena uscito in digitale per lo streaming ovunque, non è menzionato – non ci è permesso nemmeno menzionare un fatto del genere sul sito ufficiale dei Pink Floyd.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.