gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd, il legame segreto tra The Dark Side of The Moon e i supereroi Marvel

Andiamo a vedere questa storia davvero particolare che riguarda i Pink Floyd. In particolare, dobbiamo raccontarvi una storia un po’ speciale sull’album dei record della band di David Gilmour, Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason (e prima Syd Barrett). Sapevate che c’era un legame segreto tra The Dark Side of The Moon e i supereroi Marvel? Siamo sicuri di no, ma noi vi invitiamo a guardare la copertina e provare a pensare a uno dei più famosi personaggi Marvel e notare qualche collegamento. Vi diamo un indizio, il personaggio dei fumetti Marvel è comparso anche al cinema in un film.

La Marvel fece quasi parte di The Dark Side of the Moon

I Pink Floyd hanno gusti eclettici, lo sappiamo. La loro musica fa riferimento a tutto, dalla letteratura classica per bambini alla storia, allo spazio. Ad un certo punto, hanno quasi sfiorato di lavorare con Marvel Comics per una delle loro copertine più famose. La copertina di The Dark Side of the Moon di Pink Floyd è notoriamente l’immagine di un prisma. Tuttavia, venne accarezzata l’idea di usare un’immagine di Silver Surfer, un famoso supereroe Marvel che viaggia su una tavola tra le galassie. Ma non si concretizzò mai. Perché?

Il conflitto tra due universi

Alla band è piaciuta molto l’idea di mettere in copertina Silver Surfer, ma altre preoccupazioni si sono messe in mezzo. Vediamo come i mondi dei Pink Floyd e quello della Marvel Comics si sono quasi scontrati. Quando i Pink Floyd avevano bisogno di una copertina per The Dark Side of the Moon, si rifacevano sempre all’amato Hipgnosis, un famoso studio di design. A Aubrey Powell, una figura di spicco di Hipgnosis, piaceva l’idea di mettere Silver Surfer in copertina, così come i suoi colleghi. Ma i diritti di Silver Surfer e per il suo utilizzo erano troppo stringenti. Lo studio sentiva di non poter ottenere i diritti sul personaggio.

Un modello vestito da Silver Surfer?

Tutti volevano l’eroe sulla copertina dell’album perché gli piacevano i fumetti Marvel e l’estetica del personaggio, che trovavano mistici e mitici. Tuttavia, lo studio Hipgnosis non è mai riuscito a finire il design. Il proprietario e designer dello studio Hipgnosis Storm Thorgerson affermò che il design della copertina non avrebbe potuto contenere un’immagine di un fumetto Marvel. Tutto dipendeva dai diritti di utilizzo del personaggio e trovare un accordo con la Marvel Comics era qualcosa di davvero impossibile. Dovevano assumere qualcuno, vestirlo da Silver Surfer e fotografarlo.

Silver Surfer e Joe Satriani?

Pensate che quindici anni dopo l’uscita di The Dark Side of the Moon, Joe Satriani riuscì a usare un’immagine di Silver Surfer sulla copertina del suo album Surfing With the Alien. Era stato in grado di ottenere la licenza per il personaggio. Se Satriani fosse stato in grado di ottenere i diritti per il personaggio, forse anche i Pink Floyd avrebbe potuto usare il supereroe in copertina. Ma solo solamente illazioni, dato che poi non se ne fece più nulla. Alla fine David Gilmour e il resto della band usò la copertina del prisma trovandola brillante. Da lì la storia.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.