gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd: la versione di Comfortably Numb realizzata da Adrian Smith fa venire i brividi (VIDEO)

Comfortably Numb rappresenta, senza alcun dubbio, uno dei più grandi capolavori che siano mai stati realizzati dai Pink Floyd all’interno della propria carriera. La canzone, presente all’interno del tanto discusso e amato album The Wall, risulta essere una delle punte di diamante della band britannica, che ha sfornato grandissimi capolavori nella sua storia. La bellezza di un brano di questo tipo, ereditato da una storia che vede come protagonista lo stesso Roger Waters, è stata così tanto grande e riconosciuta nel corso degli anni che sono stati tantissimi gli artisti che hanno provato a realizzare cover e reinterpretazioni di questo stesso brano. Vogliamo prendere in considerazione, in questa specifica occasione, la versione di Comfortably Numb realizzata da Adrian Smith degli Iron Maiden, che sa regalare grandi emozioni.

La storia di Comfortably Numb

Prima di prendere in considerazione la straordinaria versione di Adrian Smith, vogliamo parlare della storia di Comfortably Numb, per quanto i fan dei Pink Floyd e di Roger Waters la conoscano già perfettamente. Si tratta di una canzone pubblicata nel 1979, all’interno dell’album The Wall, ed è una delle tre canzoni all’interno dell’album in cui i diritti sono divisi tra Roger Waters e David Gilmour; il brano, utilizzato anche nella colonna sonora del film The Departed di Martin Scorsese, dura 6 minuti e 18 secondi, e si basa su un’esperienza di Roger Waters che, durante il tour del 1977 realizzato per pubblicizzare Animals, realizzò un concerto dopo aver assunto un medicinale che il suo dottore gli prescrisse per l’epatite.

Il concerto a Philadelphia fu realizzato in un torpore che Roger Waters faticò a dimenticare, e che per questo motivo volle rendere in musica; il britannico ne ha parlato in questi termini: «Quello è stato il tour più lungo della mia vita, tentare di fare un concerto quando puoi a malapena sollevare le braccia»

La versione di Adrian Smith

Sono state tante le versioni di Comfortably Numb realizzate nel corso della storia del rock, anche se in occasioni di singoli concerti o di video che sono stati diffusi all’interno delle comunità web. Basti pensare ad artisti come i Judas Priest, che mi hanno realizzato una splendida cover, molto apprezzata anche da parte dei fan dei Pink Floyd, o al chitarrista degli Iron Maiden Adrian Smith, già votato per quello che è stato definito, dalla rivista musicale Guitar Word, come il quarto più incredibile assolo di tutti i tempi. Il chitarrista in questione ha deciso di realizzare una versione del celebre brano dei Pink Floyd che sa togliere il fiato e, allo stesso tempo, regala i brividi per la sua bellezza. Lasciamo spazio alle immagini presenti all’interno del video sottostante per riuscire a comunicare meglio ciò che intendiamo.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.