gtag('config', 'UA-102787715-1');

Prozac+: addio a Elisabetta Imelio, bassista della band simbolo del Pop Punk italiano

Elisabetta Imelio, voce e bassista della Pop Punk Band italiana, Prozac+, si è spenta nella notte tra il 29 febbraio e il 1 marzo del 2020, al CRO di Aviano, nei pressi di Pordenone, aveva 44 anni. La donna è,purtroppo, uscita sconfitta dalla sua lotta contro il cancro al seno, con cui, ormai, era in conflitto da anni. Elisabetta ha scelto, sin dal primo momento, di non tenere nascosta la sua malattia. Parlandone apertamente nel brano intitolato La fine della chemio, in cui compaiono nomi di artisti di rilievo nel panorama mainstream italiano come Manuel Agnelli, Jovanotti ed Elisa.

La storia dei Prozac+ ha inizio nel 1995, quando Elisabetta Imelio, insieme a Gian Maria Accusani ed Eva Poles decide di fondare la band e rilasciare il singolo Acida Acido. Il brano riscosse grande successo sulla scena internazionale; tant’è che l’omonimo album, vendette oltre 200 mila copie. Una cifra astronomica per una band di stampo underground.

L’epilogo dei Prozac+ e il loro ritorno nel 2018

I Prozac+ registrarono insieme altri 3 album e pubblicarono una raccolta Greatest Hits, nel 2007. In quello stesso anno, il gruppo si sciolse, senza però, mai annunciarlo formalmente. Fu nel 2009 che Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio fondarono una nuova band, i Sick Tamburo. Nel 2017, il gruppo ha pubblicato un album intitolato Un Giorno Nuovo. Nel 2018, gli irriducibili appassionati dei Prozac+ tornarono a sognare grazie ad un annuncio in cui la band affermava di riunirsi per sole due date, a Milano e a Treviso in occasione del ventesimo anniversario dall’uscita di Acido Acida.

I Prozac+ si esibirono al Mi Ami Festival di Milano, spiegando che il loro ritorno non stesse rappresentando una sorta di celebrazione, ma un genuino e nostalgico ricordo del loro glorioso debutto, avvenuto ben 20 anni prima. Non venne previsto nessun tour, tanto meno un disco assieme; la reunion dei Prozac+ fu un atto d’amore sincero e spontaneo nei confronti di una band che aveva infuso nuove speranze in migliaia d’esordienti, rendendo possibile anche per una realtà di provincia scalare le classifiche e scrivere pagine di storia, a discapito delle industrie, contro il capitalismo e il conservatorismo dei prodotti surrogati propinati al grande pubblico dalle etichette discografiche.

La vendetta di Elisabetta contro la malattia: La fine della chemio

La fine della chemio esce il 25 maggio del 2017, come singolo dei Sick Tamburo. Il brano è parte di un progetto di beneficenza realizzato in collaborazione con Jovanotti, i Tre Allegri Ragazzi Morti, Manuel Agnelli, Samuel, Meg, Elisa, Lo Stato Sociale e Pierpaolo Capovilla; artisti che hanno fornito la loro interpretazione del brano insieme agli autori.  Il brano venne, in precedenza, pubblicato nel quarto album dei Sick Tamburo, Un Giorno Nuovo.

La fine della chemio è stata scritta da Gian Maria per Elisabetta dopo aver saputo della tragica diagnosi. Il desiderio di raggiungere e sensibilizzare più persone possibili, aiutandole ad affrontare il calvario della malattia, attraverso il contributo di altri musicisti, è nato fin da subito.

I proventi tratti dalle vendite del singolo sono stati devoluti, in parte, all’ associazione donne operate al seno di Pordenone. Un gruppo molto attivo per la salvaguardia e il volontariato sul campo. Il ricavato restante è, invece, andato alla squadra di canoa Donne in Rosa Lago Burida. Un gruppo di donne sopravvissute alla malattia che, attraverso lo sport, divulgano un messaggio di speranza “Insieme si vince sempre”.

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)