gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, la band risuona il Live Aid dopo 35 anni per difendere l’Australia (VIDEO)

Per la prima volta dopo 35 anni, con il beneficio dell’Australia e dei vari organi di rappresentanza musicale, i Queen hanno riportato il pubblico al Live Aid. Il 16 febbraio 2020 i Queen (+ Adam Lambert) hanno preso parte al concerto di beneficenza intitolato Fire Fight Australia. E fin qui, tutto normale, direte voi. Il gruppo avrà sicuramente suonato e cantato i classici del gruppo, senza particolari novità. E invece no. Hanno deciso di riproporre, dopo ben 35 anni, l’intera scaletta del loro concerto più famoso. Stiamo parlando del Live Aid del 1985, forse uno dei concerti più epici di sempre nella storia della musica. Vediamo allora la band che risuona il Live Aid dopo 35 anni per difendere l’Australia.

LA CELEBRE ESIBIZIONE DEI QUEEN AL LIVE AID

Questa esibizione ha cambiato la storia del concetto di performance musicale. Soprannominata da molti una delle più grandi esibizioni dal vivo di tutti i tempi, la band aveva suonato un medley di 6 canzoni, una dopo l’altra. Non ci sono dubbi nel definire l’esibizione dei Queen come la migliore performance dell’evento. Lo stadio di Wembley era letteralmente ammaliato dalle capacità vocali, fisiche e carismatiche di Freddie Mercury. Mai nessuno era riuscito a calamitare il pubblico in quel modo (forse Bob Marley era una figura simile, nonostante le enormi differenze con Freddie Mercury).



IL LIVE AID NEL 1985

Il pubblico cantava parola per parola tutti i brani, senza mai fermarsi. Si iniziò dal vero classico dei Queen (forse la miglior canzone in assoluto della band) ovvero Bohemian Rhapsody per poi proseguire con un estratto dell’album The Works, Radio Ga Ga. Ancora un pezzo tratto da The Works Hammer to Fall per poi omaggiare il grande Elvis Presley con Crazy Little Thing Called Love (e un inedito Freddie Mercury alla chitarra). L’esibizione si concluse con i due inni da stadio dei Queen, We Will Rock You e We Are the Champions (e non poteva davvero essere altrimenti). Come dimenticare poi il celebre Ay-Oh di Freddie che incitava il pubblico a seguirlo e ripetere i suoi versi.

IL SET DI QUEEN + ADAML LAMBERT

Anche in questo caso, i Queen + Adam Lambert hanno deliziato il pubblico omaggiando in Australia il Live Aid del 1985. Il set è iniziato con Bohemian Rhapsody per poi far esplodere i fan con Radio Ga Ga e una chitarra taglientissima di Brian May. La band si è quindi riposata un attimo intrattenendo il pubblico con il video di Freddie Mercury che incita il pubblico a cantare dopo di lui (il celebre Ay-Oh). Lambert e gruppo sono poi tornati sul palco esibendosi in Hammer to Fall e, ovviamente, nella splendida Crazy Little Thing Called Love. Fino ad arrivare alla conclusione con le due tracce combinate We Will Rock You e We Are the Champions mandando i fan in visibilio.



FIRE FIGHT AUSTRALIA

La band ha twittato prima, durante e dopo il concerto di fare donazioni a Fire Fight Australia. La serata era organizzata secondo una scaletta di oltre 10 ore con ospiti di eccezione. Tra questi c’era un set esclusivo di Alice Cooper, John Farnham, Olivia Newton-John e Icehouse, tra gli altri. I proventi guadagnati hanno superato i 9 milioni e mezzo di dollari e aiuteranno le comunità colpite dai massicci incendi in Australia. Così il pubblico ha fatto del bene e ha visto la band dei Queen che risuona il Live Aid dopo 35 anni.

 



Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.