gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, l’intervista inedita di John Deacon in cui spiega il rapporto difficile con….

Nel 1997, il bassista John Deacon ha deciso di ritirarsi a vita privata. Il noto musicista dei Queen ha apprezzato poco le luci dei riflettori e ha sempre scelto di prediligere la privacy per se stesso e i suoi familiari. Ad ogni modo, la rivista express.co.uk ha diffuso una nuova intervista dell’artista. Le sue dichiarazioni risalgono a prima del 1991, anno in cui ci ha lasciato il frontman della band britannica Freddie Mercury.

La capacità dei Queen di completarsi a vicenda

L’intervista risale proprio allo stesso anno della morte di Freddie, in occasione delle riprese dell’ultimo video con il cantante presente, lo struggente These Are the Days of Our Lives. Deacon ha spiegato per quali motivazioni i Queen sono riusciti ad ottenere un successo a livello planetario. All’interno della band, erano presente personalità diverse, ma in grado di completarsi a vicenda in maniera perfetta. In questa alchimia straordinaria, anche John Deacon ha assunto un ruolo di primo piano, nonostante non fosse al centro dell’attenzione come Mercury.

Il bassista ha scelto così di diffondere alcuni particolari inerenti alla sua esperienza con la band. Gli altri tre membri sono stati ben lieti di sceglierlo per la sua tranquillità, che si opponeva alla loro totale esuberanza. Una figura così schiva e riservata sarebbe stata perfetta per dare maggiore risalto ad un simile complesso. “Nella maggior parte dei casi – esordisce Deacon – i chitarristi e i cantanti sono le persone senza peli sulla lingua. Dietro le quinte, posso fare casino anche io. Col passare degli anni, ho condiviso con gli altri tanta follia”.

John Deacon e il suo rapporto difficile con i Queen

Ad ogni modo, il rapporto tra John Deacon e il gruppo formato da Freddie, Brian MayRoger Taylor non è sempre stato dei migliori. “Non è stato sempre facile. A volte abbiamo litigato e poi ci siamo ritrovati. Ma è normale, come in ogni band”. Il vero segreto del successo dei Queen? La capacità di restare uniti. Almeno fino alla morte di Freddie Mercury, dopo la quale John ha scelto di defilarsi fino a ritirarsi in maniera definitiva.

Il 1997 è stato l’anno del suo addio, dopo aver eseguito solo altre tre performance senza Mercury e aver registrato l’ultimo pezzo con gli altri, No-One But You (Only the Good Die Young). Oggi vive nella sua prima casa da musicista insieme a moglie e figli, presso il sobborgo londinese di Putney.

La scelta di Deacon di ritirarsi a vita privata

In quella occasione, John Deacon affermò anche di non aver mai potuto neanche immaginare di suonare in una band ad un’età già piuttosto avanzata. “Quando inizi a suonare musica in una band, credi di riuscire a continuare solo per 5, o al massimo 10 anni”. Come sappiamo, i Queen hanno suonato tutti e quattro insieme per circa due decenni. Al contempo, Brian MayRoger Taylor hanno spiegato che John si è ritirato a causa di un’insofferenza nei confronti dell’industria musicale, per poi dare il nulla osta ad ogni loro iniziativa con il marchio della band. Da diversi anni, Brian e Roger non hanno più alcun contatto con il bassista.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)