gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen: quella volta che Freddie Mercury quasi venne alle mani con Sid Vicious

La storia della musica ci ha regalato una serie di avvenimenti che, giustamente, ricordiamo come incredibilmente importanti e preponderanti nello sviluppo di un genere sociale e culturale, prima ancora che artistico. Avvenimenti che, pur nella dinamica più difficile e astrusa del litigio, sono però incredibilmente determinanti e fondamentali, ai fini di un progresso artistico che viene osservato nel tempo. Questo preambolo ci serve ad inquadrare perfettamente quel litigio tra Queen e Sex Pistols, che vide Freddie Mercury venire quasi alle mani con Sid Vicious: vi raccontiamo la storia di quell’accadimento.

I generi differenti di Queen e Sex Pistols

Uno dei possibili motivi che hanno portato al litigio tra Queen e Sex Pistols è stato l’incomunicabilità artistica tra Queen e Sex Pistols: la musica dei Queen da un lato, il punk di Sid Vicious e Johnny Rotten dall’altro. Mercury non apprezzava certamente questo tipo di musica, a dimostrazione di quanto conciliare queste due realtà non sia solo impossibile teoricamente, ma anche nella realtà. La testimonianza arrivò da Blake, che rilasciò un’intervista alla EMI dicendo, di Mercury: «Mi confessò di non capire il punk che per lui quella non era musica». Sulla base di queste considerazioni, possiamo forse capire uno dei perchè del litigio tra i Queen e i Sex Pistols.

C’è, però, un di più: il primo dicembre del 1976 la band britannica dei Queen fu ingaggiata in Today, un talk show in prima serata condotto da Bill Grundy. La band avrebbe dovuto partecipare al talk show per promuovere il proprio album, A Day at the Races. Fu proprio Freddie Mercury a permettere che partecipassero, al posto dei Queen, proprio i Sex Pistols. Il cantante aveva una visita dal dentista e l’etichetta decise di puntare sulla band punk. La serata si trasformò in un vero e proprio delirio: Sex Pistols e Grundy erano tutti in preda all’alcol, e i discorsi iniziarono a farsi sempre più scabrosi. Il giorno successivo il Daily Mirror titolò dicendo “Il sudiciume e la rabbia!”, e la voce si sparse in tutto il Regno Unito: il fenomeno punk dei Sex Pistols era definitivamente scoppiato.

Il litigio tra Freddie Mercury e Sid Vicious

L’incontro tra Freddie Mercury e Sex Pistols ci fu nei Wessex Studios di Londra, nel 1977. La band punk stava registrando il proprio album di debutto, e ci fu uno scontro tra il leader Freddie e il bassista Sid Vicious. Brian May aveva avuto la possibilità di discutere con Johnny Rotten, affermando di aver avuto una conversazione interessante con lui: «Capitava ci incrociassimo nei corridoi.  Conversai qualche volta con John Lydon che fu sempre molto rispettoso; parlavamo di musica».

Diversa fu la considerazione intorno a Sid Vicious; già Roger Taylor aveva parlato male di lui: «Sid Vicious era un imbecille, un vero idiota.» Le considerazioni si riferirono ad un momento in cui Sid Vicious iniziò a sbraitare nello studio dei Queen, ubriaco. Nell’intento di provocare una rissa, si rivolse a Freddie Mercury dicendo: «Avete avuto successo a portare il balletto alle masse?». Si era nel momento di massima tensione, e si rischiò di andare alle mani. Ma il leader dei Queen non abboccò alla provocazione: «Lo chiamai Simon Ferocious o una roba del genere e lui non apprezzò affatto. Io ho risposto, “Che cosa credi di fare?”, aveva tutti questi tagli sul corpo quindi gli ho detto “Assicurati di tagliarti davanti allo specchio oggi perché domani inizierai a fare altro”, lui odiava che io potessi parlare anche in quel modo. Penso che abbiamo superato il test». dichiarò in seguito.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.