gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che Amy Winehouse diede un pugno a un fan

Come abbiamo spesso sottolineato all’interno delle nostre pubblicazioni, Amy Winehouse è sempre stata una personalità incredibilmente importante e, allo stesso tempo, complessa. La donna, morta tragicamente il 23 luglio del 2011, ha vissuto gran parte dei suoi anni legata ad una difficoltà relativa alla sua condotta e ai suoi eccessi, e l’hanno portato anche ad interpretare una carriera discografica certamente non ottimale, soprattutto se guardando alle sue grandi potenzialità e al suo incredibile talento, che non le sono mai stati negati. A proposito della difficoltà degli ultimi anni della sua carriera, vogliamo ricordare di uno scontro particolare, avvenuto durante un suo concerto nel 2008, che l’ha vista coinvolta in piccola rissa con uno spettatore, a cui ha dato un pugno perché troppo veramente nei suoi confronti. Ve ne vogliamo parlare, mostrandosi anche un filmato in merito, all’interno del nostro articolo.

Gli ultimi anni di Amy Winehouse e la morte

Prima di scendere nello specifico del concerto di Amy Winehouse nel 2008, che ha visto la cantante dare un pugno ad uno spettatore perché troppo veemente, vogliamo prima parlarvi degli ultimi difficili anni di Amy Winehouse della morte, avvenuta il 23 luglio del 2011. Negli ultimi anni della sua vita, Amy Winehouse aveva già dato segni di incredibile cedimento, come dimostrato il 18 giugno del 2011 in cui cantò visibilmente ubriaca davanti al pubblico di Belgrado, ed essendo definita come vergognosa da parte delle autorità pubbliche serbe.

Successivamente, al fine di garantire una riabilitazione della cantante, il suo tour europeo venne annullato. Il suo corpo esanime è stato ritrovato alle 15:53 del 23 luglio del 2011. L’autopsia iniziale, eseguita il 25 luglio, non ha rivelato le cause della morte, che sono invece state chiarite a seguito di esami tossicologici e istologici che hanno reso nota la causa della morte. Essenzialmente, in assenza di tracce di sostanze stupefacenti, è stato l’abuso di alcol a portare la donna alla morte. Uno dei ricordi fondamentali è particolarmente commoventi è arrivato da parte del cantante jazz Tony Bennett, che ha dichiarato quanto segue: «Era in difficoltà in quel momento perché aveva un paio di impegni, e lei non riusciva a tenere il passo. Ma ciò di cui la gente non si rendeva conto in quel momento è che lei sapeva, sapeva che era in un sacco di guai, che non stava vivendo. E non era la droga. Era alcool verso la fine… è stata una cosa triste perché lei era l’unica cantante che cantava davvero, quello che io chiamo il “modo giusto”, perché era una grande cantante jazz… Era davvero una grande cantante jazz, una cantante jazz vera…»

Il pugno di Amy Winehouse ad uno spettatore

A questo punto, possiamo prendere in considerazione quel concerto del 2008 in cui Amy Winehouse ha sferrato un pugno nei confronti di uno spettatore, durante un suo concerto. La donna, impegnata nelle esibizione di uno dei suoi brani più celebri, aveva deciso di abbandonare il palco e scendere tra la folla, per cantare vicina ai suoi fan. Uno di essi è stato particolarmente pressante nel cercare di toccare la cantante, e ha iniziato a tirarle i capelli. Per questo motivo, continuando a cantare, Amy Winehouse ha dapprima cercato di utilizzare i gomiti per liberarsi dello spettatore, per poi successivamente dare un pugno allo stesso, poi venendo trascinata sul palco da una guardia di sicurezza.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.