Quella volta che David Bowie fu bandito dal Saturday Night Live

Il carattere di David Bowie è stato, senza dubbio, uno dei motivi del suo incredibile successo. Il cantante e cantautore britannico ha da sempre mostrato una personalità in continua e costante evoluzione, che l’ha portato a essere Ziggy Stardust, il Duca Bianco e – nell’ultima parte della sua vita – il protagonista di Blackstar. Al di là di questi dettagli, David Bowie è stato tanto altro e, talvolta, il suo comportamento non è stato apprezzato particolarmente: per questo motivo, vogliamo raccontarvi di quella volta che David Bowie fu bandito per tre anni dal Saturday Night Live, per una sua decisione certamente non troppo felice.

Il progetto del Saturday Night Live con David Bowie

Prima di parlare di quell’atto che ha portato David Bowie ad essere bandito dal Saturday Night Live, vale la pena sottolineare quelle azioni e quelle decisioni che il noto programma televisivo aveva preso nei confronti del cantante britannico. La decisione del programma, in effetti, ha fatto sì che il Duca Bianco fosse ridotto a una serie di canzoni che erano utilizzate per scopo prettamente pubblicitario.

A tal proposito, vi citiamo le parole di David Bowie in merito: “L’idea era che in qualche modo ero stato messo in una pubblicità a basso costo per un panificio di Brooklyn. Volevano che cantassi sui loro dolci o cose del genere. Una delle cose che hanno inventato è stata una versione della mia canzone, “Watch That Man”. Invece, nel coro, avrei dovuto cantare “Prova il nostro sformato”. 

Certamente questa decisione non andò giù al cantante britannico, che non aveva voglia di diventare una marchetta televisiva e non avrebbe voluto assoggettarsi all’esigenza di un panificio di Brooklyn, per quanto il tutto potesse essere ironico o scherzoso. Per questo motivo, decise di reagire in occasione di una puntata del Saturday Night Live, chiaramente a modo suo.

La scelta di David Bowie e la reazione del Saturday Night Live

La scelta di David Bowie, che ha deciso di reagire alla strumentalizzazione dei suoi brani che voleva esserci da parte del programma televisivo, non si è fatta attendere ma – allo stesso tempo – ha portato il cantautore britannico ad essere bandito per tre anni dal programma. Per quanto inizialmente avesse accettato le direttive del programma, infatti, Bowie decise di complicare le cose all’ultimo, affermando che non gli piaceva come venisse pronunciata la parola “flan” in una delle canzoni. 

Il produttore Lorne Michaels ha affermato: “David è un uomo di mondo. Ha visto tutto. E prende il cibo molto sul serio. Capisco quello. Ma quando gestisci una grande produzione live come noi, le modifiche dell’ultimo secondo possono essere complicate.” Sapendo che la reazione sarebbe stata negativa, infine, David Bowie decise di stravolgere la scaletta della sua esibizione solo all’ultimo, esibendosi con Scary Monsters e non con Telling Lies. Insomma, a qualcuno non piacque proprio la provocazione e la reazione non poté che essere negativa.

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.