gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles: quella volta che Paul McCartney pianse a causa di una canzone di George Harrison

Quando Paul McCartney cominciò a riflettere sul suo lavoro con i Beatles, il leggendario bassista e paroliere dei Fab Four indicò And I Love Her come una pietra miliare assoluta. Nel 1964, Paul McCartney non aveva una buona reputazione come autore di grandi ballate. Le cose, per lui, cambiarono proprio nel momento in cui scrisse And I Love Her “Quella fu la prima ballata per la quale rimasi colpito”. Furono queste le parole di McCartney per il brano nella sua biografia del 1997 Many Years From Now. Anche John Lennon riponeva particolare ammirazione nei confronti della canzone

Riflettendo su And I Love Her, il compianto chitarrista e cantante dei Beatles, John Lennon, la descrisse come la gemma di Paul in Hard Day’s Night e, come un riscaldamento prima di Yesterday. Sebbene Paul McCartney e John Lennon abbiano collaborato su gran parte delle canzoni che compongono la discografia dei Beatles, l’apporto dell’ultimo nella stesura di And I Love Her è davvero minimale. Il musicista potrebbe aver aiutato solo nella parte centrale della canzone. Ciò nonostante, McCartney non aveva completato la canzone quando la propose ai membri del gruppo. Fu George Harrison, infatti, a fornire l’iconico riff iniziale di quattro note alla ballata, rendendo il brano, la pietra miliare che è oggi.

L’elogio di Paul McCartney a George Harrison

Nonostante Paul McCartney fosse sempre stato un chitarrista tanto valido quanto i suoi compagni Beatles, non poteva assumersi tutte le responsabilità nella composizione del brano. Quando Paul entrò in studio e propose And I Love Her agli altri Beatles, la traccia era ancora sprovvista di una opening meritevole. Nel documentario Living In The Material World, Paul McCartney ha spiegato il processo creativo con cui la band scriveva i suoi brani nei primi anni, rivelando che Ringo Starr e George Harrison fossero spesso all’oscuro delle canzoni fino a quando non si riunivano in sala.

Dopo aver mostrato a George Harrison gli accordi che componevano And I Love Her, Paul McCartney cominciò a costruire la canzone per come la conosciamo insieme agli altri membri dei Beatles. Ricordando quanto accaduto, il paroliere dei Beatles ha affermato che And I Love Her avesse visto la luce in men che non si dica grazie al meraviglioso quanto semplice riff con cui, George Harrison, impreziosì la ballata.

In realtà, George Harrison provvedette, in questo modo, a gran parte dei riff contenuti negli iconici riff dei Beatles. Durante una conversazione con Tom Petty, Harrison rivelò che, i giri di chitarra di cui si componevano le canzoni composte da lui, provenissero, in gran parte, da complessi creativi assolutamente casuali. Ritornando ad And I Love Her, quando Paul McCartney sentì il contributo di George Harrison alla canzone, non poté che rimanere strabiliato per quanto, quel brano, avesse bisogno di un riff evocativo.

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)