Quella volta che Jimi Hendrix venne bannato dalla BBC per aver…

L’abilità e il talento di Jimi Hendrix sono unanimemente riconosciuti come qualcosa di eccezionale. Il modo in cui Hendrix suona la chitarra è assolutamente unico. Dal suo strumento sa ricavare suoni ed effetti timbrici mai sentiti. Con alle spalle un’infanzia e un’adolescenza complicate, una passione smodata per la musica e un talento strabiliante per la chitarra, Jimi Hendrix innova e rinnova totalmente lo stile chitarristico più di chiunque altro. Le sue doti sono arricchite da una capacità scenica eccezionale, fatta di energia da palco e intenso carisma. Jimi Hendrix detta le sue regole e segue solo il suo credo. Per questo motivo suscita anche contrasti e dissenso. Come quella volta che viene bannato dalla BBC.

Jimi Hendrix: inizio e carriera

Nel 1965 Jimi Hendrix dà vita al suo primo gruppo stabile al Greenwich Village. Il giovane e prodigioso chitarrista viene preso sotto la sua ala protettrice da Chas Chandler – ex Animals e manager musicale – che riesce a dare la giusta notorietà al suo talento. Hendrix si sposta con lui a Londra dove incontra quella che diventerà – di lì a poco – la Jimi Hendrix Experience. Il primo singolo della band – Hey Joe – rimane nelle classifiche inglesi per ben 10 settimane.

Nel 1967 con l’esibizione al Monterey International Pop Festival Jimi Hendrix raggiunge però la consacrazione e la notorietà definitiva, entrando nella leggenda. La fine del concerto – quanto il chitarrista brucia il suo strumento tra le grida della folla – entra letteralmente nella sfera del mito. Purtroppo Hendrix siede poco sul suo trono perché già nel 1969 la Experience si scioglie e inizia il declino fisico e artistico del suo leader.

La dedica ai Cream

Gli anni ’60 – a forte dominazione bianca e upper class – non vedono di buon occhio l’emergere di un chitarrista come Jimi Hendrix. Un uomo non solo nero ma anche ribelle, pronto a portare la sua energia selvaggia e la sua carica sensuale sui palchi inglesi. Il programma britannico BBC è restio all’idea di mandarlo in onda sui propri canali. Tuttavia alla fine si decidono e la presentatrice Lulu sembra la scelta più giusta per fare da cicerone a Hendrix. Lulu è simbolo della controcultura britannica, molto amica dei Beatles, eppure posata e rassicurante al tempo stesso. Jimi Hendrix e la sua band vengono dunque presentati all’Happening for Lulu.

Prima del notiziario delle 6, Lulu è solita ospitare nel suo studio gli artisti più famosi della scena musicale. Ma ce n’è solo uno che potrebbe far schizzare gli ascolti alle stelle: Jimi Hendrix. Le regole tuttavia sono chiare: devono essere suonati due pezzi soltanto, Voodoo Child e Hey Joe. Al momento di esibirsi nel loro primo singolo, Jimi smette di suonare e annuncia. “Vorremmo smettere di suonare questa spazzatura per dedicare una canzone ai Cream […] Dedichiamo questo a Eric Clapton, Jack Bruce e Ginger Baker.

La censura della BBC

Nel 1969 – stesso anno dell’esibizione della Jimi Hendrix Experience a Happening for Lulu – i Cream annunciano il loro scioglimento. Hendrix è particolarmente legato alla formazione di Clapton, Bruce e Baker. Il chitarrista partecipa ad una loro jam session poco dopo essere arrivato in Gran Bretagna. Per questo motivo – al momento di suonare Hey Joe – Jimi decide di omaggiare i Cream. La band si esibisce in una magnifica versione di Sunshine of Your Love.

Sebbene sia Jimi Hendrix che il suo gruppo lo abbiano preso come un momento divertente, i produttori della BBC non rimangono molto soddisfatti. Tanto più che il siparietto in onore dei Cream sfora alla grande il limite di tempo assegnato a Hendrix e soci. La conclusione? Alla fine gli Experience vengono banditi per sempre dalla BBC. Ma di certo l’atto di ribellione di Jimi Hendrix rimane uno dei momento più belli della storia del rock.

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.