gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che Lou Reed colpì con un pugno David Bowie

Conosciamo molti sodalizi nel mondo della musica rock, fin dalla nascita del genere. Tra questi possiamo trovare quello tra gli artisti Lou Reed e David Bowie avevano un forte legame di amicizia, soprattutto nel mondo lavorativo in cui si ritrovavano a collaborare. Nonostante ciò, i due hanno attraversato momenti difficili, fatti di tensione e battibecchi, culminati con un gesto particolare. In questo articolo, vi racconteremo di quella volta che Lou Reed colpì con un pugno il Duca Bianco.

Quella volta che Lou Reed colpì con un pugno David Bowie: Il racconto

L’incidente è stato raccontato da Bowie: The Ultimate Music Guide, che ha spiegato le dinamiche che hanno portato i due a scontrarsi. Dopo uno spettacolo all’Hammersmith Odeon nel 1979, Reed, Bowie e il resto della troupe si ritrovarono a cenare in un ristorante piuttosto conosciuto a Londra. Durante il pasto, Reed chiese a Bowie di produrre il suo nono album in studio (The Bells), e il Duca Bianco accettò gentilmente.

In un modo piuttosto tagliente però, Bowie disse al vecchio membro dei Velvet Underground: “Lavorerò con te solo se ti darai una ripulita, e se la smetterai di bere così tanto.” Reed non sembrò apprezzare il commento e, barcollando a causa dell’alcol, si avvicinò al Duca Bianco e lo colpì con un pugno in pieno volto. I due vennero scortati fuori dall’edificio mentre si scambiavano insulti di ogni genere, davanti agli increduli spettatori.

I commenti di Chuck Hammer

Il chitarrista Chuck Hammer raccontò la vicenda durante un’intervista con Uncat: “Ero il chitarrista della band di Lou Reed al tempo. Ero seduto tra David e Lou durante quella cena, mentre i due si scambiavano quelle parole pesanti. Lou stava discutendo i dettagli del suo nuovo album in arrivo, ancora non registrato. Chiese a David se fosse interessato a produrre il disco e David rispose di sì, ma solo alla condizione che Lou smettesse di bere. Da quel momento si scatenò l’inferno.

La discussione continuò anche nei corridoi dell’hotel durante la notte, con Reed che incitava Bowie ad uscire dalla stanza per combattere come un uomo. Alla fine la situazione si calmò, con Lou che probabilmente si addormentò profondamente.” ha continuato Hammer. Il giorno seguente la coppia si riappacificò con baci e abbracci. Nonostante ciò, Bowie non lavorò mai al nuovo album di Reed che invece scelse il suo collaboratore storico Nils Lofgren.

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.