gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che Jimmy Page suonò con Jaco Pastorius

I ricordi delle più grandi Rock star di tutti i tempi danno sempre luogo ad aneddoti particolarmente variegati e ricchi di colpi di scena. Quando a raccontare dei giorni di gloria è un’icona come Jimmy Page, il discorso non può che assumere un velo di epicità travolgente. Nel corso degli anni, il chitarrista dei Led Zeppelin ha avuto modo di vivere esperienze decisamente uniche.  Da jam session memorabili a storie al limite della legalità, Page ha deciso, come molti altri suoi colleghi, di esternare via social alcuni dei momenti salienti della sua giovinezza.

Non molto tempo fa, Jimmy Page ha ricordato del piacevole incontro musicale che ebbe il piacere di intrattenere con il compianto, leggendario, bassista Jaco Pastorius. Uno strumentista Jazz sopraffino, passato alla storia per il suo utilizzo innovativo dello strumento e per il fatto che prediligesse strumenti fretless, cioè senza tasti al manico.

I particolari dell’incontro tra Jimmy Page e Jaco Pastorius

Jaco Pastorius e Jimmy Page diedero luogo ad un concerto dalle fattispecie a dir poco straordinarie. L’evento ebbe luogo il 30 aprile del 1985 al Lone Star Cafe di Ney York City. Page e Pastorius non furono i soli a salire sl palco. I due musicisti, infatti, vennero accompagnati dal chitarrista Kenny Gwyn, dal tastierista Scott Brown, il percussionista Jerry Gonzales ed il batterista Chris Slade degli AC/DC che, all’epoca, era un membro del super gruppo di Jimmy Page, i Firm, insieme a Paul Rodgers e al bassista Tony Franklin.

Tony era abbastanza rinomato, come Pastorius, per il suo uso sfrenato del basso fretless. In effetti, Franklin aveva attinto molto dallo stile del leggendario bassista. Nel corso di un’intervista rilasciata tempo dopo per Let It Rock, il bassista dei Firm rivelò che Jaco Pastorius fosse il musicista che l’aveva maggiormente ispirato. Lo stesso Franklin ha spiegato, attraverso un post sui suoi profili social, che fossero stati proprio Jimmy Page e Chris Slade a volersi recare al Lone Star dopo il concerto della band al Madison Square Garden, tenutosi il giorno prima.

“Ci prendemmo un giorno libero a New York e, leggendo su un quotidiano locale, apprendemmo la notizia che Jaco Pastorius avrebbe suonato al Lone Star Cafe. Chiamai Jimmy Page e Chris Slade affinché si unissero a me per conoscere il leggendario bassista. Quando Jaco parlò con Jimmy per suonare con lui, io rimasi senza parole, sapevo che non sarebbero servite”, ha detto Franklin.

Le parole del chitarrista dei Led Zeppelin

Jimmy Page ha ricordato del suo incontro con Jaco Pastorius spiegando che, al suo arrivo, questi fosse accompagnato da un batterista che cominciò a riscontrare non pochi problemi con l’andamento frenetico del resto della band. “Il batterista era una nuova leva e, quando arrivai, Jaco gli stava spiegando i diversi cambi di tempo con il basso”. Ha esordito Page.

Successivamente, il chitarrista dei Led Zeppelin ha continuato dicendo: “Jaco ha invitato me e Chris sul palco. Così, abbiamo iniziato a suonare insieme. La cosa più importante di questa storia, però, è quanto Chris Slade sia stato straordinario alla batteria, lasciando che l’altro batterista rimanesse seduto ad un tavolo del club, assistendo attonito alla performance”.

 “Dopo aver eseguito qualche brano, sono tornato a sedere, per assistere alla sinergia tremenda che percorse Jaco e Chris, che suonò per l’intero set. Quella notte, non ho solo compreso quanto Jaco Pastorius fosse eccezionale, ma anche che Chris poteva essere un musicista oltre modo formidabile, ha concluso.

 

.

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)