gtag('config', 'UA-102787715-1');

Ramones, Il triste legame della band con gli U2

I Ramones sono stati una band che per anni ha incantato il pubblico. Formatisi nel 1976, fino al 1996 la loro attività è stata proficua e originale. Sono considerati a ragion veduta tra i fondatori del punk newyorkese. Sicuramente anche chi non è amante del genere ha ascoltato una loro canzone almeno una volta. Il cantante della band, Joey Ramone (nome d’arte di Jeffrey Ross Hyman) è una voce iconica. Come gli altri membri principali della band, perse la vita dopo lo scioglimento. In particolare, Joey Ramone morì nel 2001 a causa di un tumore al sistema linfatico. Non tutti sanno che la sua morte è tristemente legata ad un’altra band: gli U2.

L’ultima canzone che Joey Ramone ascoltò

Vista la causa della sua morte, naturalmente l’ex cantante dei Ramones si trovava in ospedale. L’aspetto inquietante ma anche sorprendente è che mentre stava perdendo la vita stava ascoltando una canzone: In a Little While degli U2. Così, la sua figura si lega inesorabilmente agli U2, che ancora oggi quando eseguono il brano naturalmente non si dimenticano di Joey. Infatti, Bono Vox durante il concerto a Boston proprio nel 2001 disse:

Questa è l’ultima canzone che Joey Ramone ha ascoltato: sono sempre stato un fan dei Ramones e quindi adesso voglio che sia sua. Ma se prima era una canzone sui postumi di una sbronza, adesso sarà per sempre il gospel di Joey.

In a little while degli U2 e i Ramones

Parlando del brano che lo lega ai Ramones, il leader degli U2 ha spiegato che prima di essere la canzone di Joey Ramone, In a little while era quindi “una canzone sui postumi di una sbronza”. Se leggiamo il testo ciò non è esattamente chiaro. Infatti, il brano sembrerebbe più che altro una manifestazione d’amore, visto che si fa riferimento al tornare a casa da una ragazza. È interessante pensare che Joey Ramone abbia ascoltato queste parole, mentre di fatto stava per terminare la sua vita. Nella canzone ci sono anche diversi riferimenti alla morte, alla notte, al cuore che si ferma ed al respiro bloccato. Vi è un riferimento anche ad un uomo che vola. Un tributo a Joey Ramone che non è nato tale, ma che ormai è per sempre legato al suo nome.

Slow down my beating heart
A man dreams one day to fly
A man takes a rocket ship into the skies
He lives on a star that’s dying in the night
And follows in the trail, the scatter of light
Turn it on
Turn it on, you turn me on.
Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.