gtag('config', 'UA-102787715-1');

Red Hot Chili Peppers, da dove nasce il famoso logo della band?

I Red Hot Chili Peppers sono una delle più grandi band di tutti i tempi, evolvendo il loro suono dal loro album di debutto omonimo pubblicato nel 1984. Il frontman Anthony Kiedis ed il leggendario bassista Flea sono stati membri della formazione per tutti più di 30 anni, fondando il gruppo mentre erano compagni di classe al liceo. Non sapevano che avrebbero gettato le basi per uno dei gruppi più influenti di sempre.

Red Hot Chili Peppers e la nascita del logo

Il logo ufficiale dei Red Hot Chili Peppers è stato disegnato da Kiedis nel 1984. L’etichetta discografica infatti chiese al gruppo di produrre un logo e Kiedis ha abbozzato l’asterisco a otto punte che i fan di tutto il mondo off conoscono. Kiedis non aveva alcun ragionamento o significato specifico dietro l’asterisco all’epoca, ma si può collegare a diversi significati.

I fan hanno collegato il logo alla “Star of Affinity”, progettata dall’autore Michael Moorcock nel 1970.Questa era la rappresentazione del caos, che si basa sui quattro punti cardinali), aggiungendo poi le quattro frecce aggiuntive per rappresentare le “possibilità” aggiuntive che rappresentano il caos.

Non è un asterisco, ma…

Si può trovare il disegno di un asterisco simile anche nella prefazione del romanzo del 1973 “Breakfast of Champions” di Kurt Vonnegut. La spiegazione di Vonnegut del suo disegno è un po ‘più esplicita. L’asterisco in questione non era affatto un asterisco, ma la sua “rappresentazione del buco del culo”. Con questo intendeva dare ai lettori un avvertimento sulla maturità delle sue illustrazioni nel libro.

La spiegazione di Vonnegut è in realtà molto vicina a ciò che Kiedis ha spiegato sul logo nella sua autobiografia del 2004 “Scar Tissue”. Kiedis ha detto che il logo non è affatto un asterisco, ma che è “in realtà un buco del culo di un angelo” visto dal basso sulla Terra.

Red Hot Chili Peppers ed il legame con il simbolo

Non importa il significato dietro il logo, il suo significato per la band è indiscutibile. Sia Kiedis che John Frusciante hanno l’asterisco tatuato sul polso sinistro. I fan lo amano, tatuandosi il logo, indossando merchandise con l’asterisco e progettando le loro versioni uniche del leggendario biglietto da visita dei Red Hot Chili Peppers. In definitiva, il logo dell’asterisco rappresenta una cosa molto importante quando i fan lo vedono: i Red Hot Chili Peppers. Quello che era un rapido schizzo sarà per sempre riconosciuto come il simbolo di una delle più grandi band di sempre.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com