gtag('config', 'UA-102787715-1');

Red Hot Chili Peppers: Perchè si chiamano così?

Durante il 1983, nella Fairfax High School di Los Angeles, nasceva la band dei Red Hot Chili Peppers – definita da molti come la più esplosiva e accattivante. Il gruppo è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame, solo l’ultimo dei grandi traguardi raggiunti dalla band statunitense, con più di 80 milioni di dischi venduti in tutto il globo.

Hanno raggiunto una fama internazionale, conquistando milioni di fan in una graduale ascesa. Andiamo a vedere come si è arrivati al nome Red Hot Chili Peppers e a conoscere le origini della band.

Prima di “Red Hot Chili Peppers”

Prima di chiamarsi Red Hot Chili Peppers, la band fondata da Michael Balzary, Anthony Kiedis e Hillel Slovak, scelse un nome diverso per il loro primo concerto: Tony Flow and the Miraculously Majestic Masters of MayhemFurono invitati in un locale per esibirsi, ma un misto di negligenza e indecisione lì portò ad arrivare al concerto con un solo vero brano completato: Out in L.A. Tra improvvisazioni funk e il pezzo creato, furono in grado di estasiare il poco pubblico presente nel locale.

Red Hot Chili Peppers: perché si chiamano cosi?

La settimana successiva alla loro prima esibizione, il gruppo fu invitato nuovamente a suonare nello stesso locale. Il nome della band c’era già, ma era decisamente troppo lungo e difficile da ricordare – cambiarono così in Red Hot Chili Peppers. Il motivo di questo nome? Era l’ultima cosa che avevano mangiato prima di prendere la decisione riguardante il nome del gruppo.

La band si esibì per altri locali a Los Angeles, ottenendo una certa notorietà a livello locale. Inoltre, decisero di registrare i brani suonati in live in un demo, chiamato Rhythm Lounge. I Red Hot iniziarono a lavorare su un nuovo album, firmando un contratto con la EMIRed Hot Chili Peppers, primo album dell’omonimo gruppo, fu però un insuccesso, sia a livello commerciale sia durante il tour – anche a causa dei continui contrasti tra il nuovo chitarrista Jack Sherman con Kiedis e Balzary.

Il successo dei Red Hot Chili Peppers

La svolta per i Red Hot Chili Peppers fu l’abbandono di EMI per la Warner Bros. Records. Il gruppo iniziò a lavorare all’album Blood Sugar Sex Magic, che ottenne un grande successo vendendo più di 13 milioni di copie. La band si fece conoscere in tutto il mondo, iniziando a costruire la carriera del gruppo che oggi possiamo considerare tra i migliori nel suo genere.

 

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.