26 January, 2021, 08:09

Ringo Starr, la storia di come entrò nei Beatles

Il 15 agosto del 1962, i Beatles arruolarono il loro nuovo batterista Ringo Starr. Quest’ultimo prese il posto del collega Pete Best e contribuì, a suo modo, a rendere i Fab Four ancora più importanti per la musica mondiale. Scopriamo insieme come si concretizzò un avvenimento simile, ripercorrendo le tappe principali e scoprendo ulteriori dettagli su un grandissimo artista, forse troppo sottovalutato.

Gli inizi di Ringo Starr prima di unirsi ai Beatles

Richard Starkey, questo il vero nome di Ringo Starr, è nato nel 1940 a Liverpool. La sua infanzia è stata abbastanza tribolata, contraddistinta da alcuni problemi di salute. Prima l’appendicite e poi la tubercolosi hanno messo in crisi il ragazzo inglese, che a poco a poco si stava appassionando alla musica. Aveva appena ricevuto in regalo una batteria e stava iniziando ad utilizzarla con maestria. Divenne così famoso nella sua Liverpool e fu arruolato nella band dei Rory Storm and the Hurricanes, prima di assumere il nome d’arte con il quale è noto in tutto il mondo. Fu proprio in quel periodo quando, da poco maggiorenne, Ringo conobbe i Beatles e la sua vita cambiò in maniera radicale.

I Beatles prima di arruolare Ringo Starr

Nel frattempo, i Beatles erano sulla cresta dell’onda. C’erano già John LennonPaul McCarneyGeorge Harrison, mentre alla batteria era presente Pete Best. La band rock si recò presso gli Abbey Road Studios per un provino. A decidere del loro destino c’era il produttore della nota etichetta discografica EMIGeorge Martin. Quest’ultimo era entusiasta della bravura del complesso di Liverpool, ma apprezzava tutti i musicisti ad eccezione del batterista Best. Il manager dei Fab Four, Brian Epstein, si mise così alla ricerca di un sostituto di alta qualità. La scelta ricadde proprio su Ringo Starr, che iniziò l’avventura più straordinaria della sua carriera musicale e della sua vita. Epstein comunicò in questo modo la notizia a Pete: “Ho brutte notizie per te. I ragazzi ti vogliono fuori, ora entra Ringo”.

Il primo concerto traumatico dei nuovi Beatles

Fu così che i Beatles assunsero la composizione con la quale sono diventati famosi in tutto il mondo. Ad ogni modo, Pete Best aveva numerosi fan, soprattutto di sesso femminile. Quel 18 agosto del 1962, la prima esibizione di Ringo Starr insieme agli altri tre non fu proprio memorabile. Il pubblico presente a quell’evento urlò “Pete forever! Ringo never!”, sottolineando il loro apprezzamento nei riguardi del batterista precedente. Le fan colpirono George Harrison con un pugno e gli fecero un occhio nero. Neanche la prima registrazione andò molto bene, dato che George Martin sostituì Ringo alla batteria con Andy White e lui fu relegato a suonare solo il tamburello. Ma per fortuna, di lì a poco, le cose sarebbero cambiate in meglio. Pochi mesi, e Starr sarebbe entrato in perfetta simbiosi con la leggendaria band inglese.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)