gtag('config', 'UA-102787715-1');

Robert Plant ha fatto una proposta di lavoro a Brian Johnson!

Il cantante dei Led Zeppelin Robert Plant è stato intervisto da Brian Johnson per il nuovo episodio di A Life on the Road, show televisivo condotto dallo stesso Johnson. Da buoni intenditori, hanno parlato di musica e del passato, passeggiando per le colline del Galles. Proprio in questi splendidi posti, Plant ha avanzato una proposta particolare…

Vecchi tempi

Plant ha fatto una rapida dissertazione di elogio dei vari gruppi Blues degli anni 60/70. Dai Cream ai Grateful Dead fino ai Jefferson Airplane. Come i Led Zeppelin, c’era un grande movimento di energia dove si sono tutti ispirati a vicenda, compresi gli AC/DC.

All’ennesima domanda sulla nascita (quasi da amarcord) dei Led Zeppelin, Plant ha risposto scherzosamente di non ricordarsela praticamente più. E restando in tema ironico, il frontman dei Led Zeppelin, riguardo il celebre brano Immigrant Song, ha detto a Brian Johnson: “se vuoi un lavoro, posso mettere una buona parola per te”.

Led Zeppelin III

Robert Plant ricorda i bei tempi di composizione di Led Zeppelin III, uno degli album più famosi del rock e della band. Passeggiando vicino al cottage di Bron-Yr-Aur, Plant ha ricordato di come fosse stato utile quel posto, così distante dal caos dei tour, anche per distendere la tensione.

Ricordiamo di quell’album principalmente per Immigrant Song e Since I’ve Been Loving You, due dei brani più celebri della band. Durante quel 1970, in quel cottage gallese, Page, Plant, Bonham e Jones erano intenzionati a seguire un filone folk acustico. Sappiamo bene come andò a finire (e finì benissimo con un ottimo album). 

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.