gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rockin1000: la rock band che ha battuto tutti i record

UNA ROCK BAND DA 1000 (E UNA NOTTE)

C’era una volta…
Se fosse una fiaba, sicuramente inizierebbe così. Ma questa storia, pur avendo dell’incredibile, è assolutamente vera.
Inizia tutto poco più di due anni fa, nel 2015, quando i Foo Fighters ricevono la richiesta di un gruppo di loro fan di esibirsi a Cesena, una città italiana completamente al di fuori di qualsiasi tour rock internazionale.
E fin qui, nulla di speciale. Se non fosse che questa richiesta è arrivata attraverso la creazione della più grande rock band al mondo, composta da circa 1000 elementi, tra musicisti e cantanti, provenienti da ogni parte del pianeta, che si sono riuniti il 26 luglio 2015 nell’ippodromo di Cesena per suonare “Learn to fly”.

Questo evento è diventato famoso con il nome di Rockin1000 ed è entrato nel Guinness dei Primati.
Ovviamente i Millini (soprannome affettuoso di chi è parte di questa rock band) hanno ottenuto il loro concerto dei Foo Fighters, durante il quale Dave Grohl ha dichiarato: «Siete stati maledettamente folli. Avete fatto una cosa rivoluzionaria: penso sia la prima volta che accade a una band di essere chiamata in questo modo dai fan».
E se questa fosse una fiaba, finirebbe qui con un bel “E vissero tutti felici e contenti”. Ma questa è la realtà, non una storia inventata e per questo è ancora più
imprevedibile, sorprendente e meravigliosa.

Infatti, gli organizzatori della Rockin1000, una volta passata l’adrenalina per il successo ottenuto, si sono guardati in faccia e hanno capito che se erano riusciti a far suonare insieme 1000 persone per una sola canzone, allora avrebbero potuto farlo anche per un intero concerto. E così si sono rimboccati le maniche, hanno iniziato un crowdfunding, cercato sponsor, contattato professionisti, reclutato musicisti e cantanti… si sono buttati anima e corpo in questa nuova, folle e difficile avventura.

E il 24 luglio 2016 lo stadio di Cesena ha ospitato il primo, vero, grande concerto dei Mille. In scaletta c’era (ovviamente) Learn to Fly, insieme a tante altre canzoni che hanno fatto la storia della musica  rock: Rebel rebel, Smells like teen spirit, Come together, Rockin in the free world… solo per citarne alcune. E’ stato davvero un evento epico e anche solo vedere i video fa venire la pelle d’oca.

Ma, ovviamente, il team di creativi capitanato da Fabio Zaffagnini non si è fermato. E il 29 luglio 2017 c’è stato il terzo grande concerto dei Mille. Questa volta si è tenuto in Valveny, vicino a Courmayeur, e ha avuto le modalità di una sorta di camping: un falò la sera prima del concerto, una rotation stage dove i vari musicisti potevano esibirsi in piccoli gruppetti, qualche gita organizzata nei momenti buchi… un bel modo per passare insieme tre giorni, chiusi poi in bellezza con l’evento principale, l’esecuzione di tre medley da cinque minuti ciascuno, comprensivi di brani come Sgt. Pepper, Bohemian Rhapsody e Born To Run.

E, ovviamente, Learn to Fly, anche se non era all’inteno dei medley ed è stata cantata e suonata “a sentimento”, senza nessuna preparazione, solo con quella dell’amore per il rock nel cuore.
Tutte le cose, belle e brutte, sono destinate a finire, prima o poi. “E’ perfetto solo ciò che è provvisorio”, come ha scritto in un suo libro Gianrico Carofiglio. Ma io, personalmente, confido che il 2018 ci porti un’altra magnifica esperienza come quelle vissute sin qui. Quindi aspettiamo e vediamo cosa ci riserverà questa volta la magia della musica.
Stay Rock!

articolo di Cristina Corazza per R3M.IT

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.